laser  
 
Utente 155XXX
Buongiorno, dovrei devitalizzare un dente e ritrattare un dente devitalizzato poco tempo fa, ma non venuto bene.
Nelle devitalizzazioni che ho fatto in passato, il dentista ha pulito i canali con degli aghini.
Ho cercato su internet un nuovo dentista. Sul sito di un dentista, ho letto che esegue interventi canalari tramite l’applicazione di terapia laser. E' un nuovo modo di fare devitalizzazioni e ritrattamenti canalari? Con l'utilizzo del laser, non si utilizzano più gli aghini? Con l'uso del laser è più facile avere il risultato migliore?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente il laser non è la bacchetta magica che risolve tutto e comunque!! Alla base ci deve sempre essere una buona conoscenza della tecnologia e del suo utilizzo nei vari campi dell'odontoiatria. È di aiuto notevole ,ma non prescinde da un trattamento meccanico,e non è l'unica soluzione al problema.
(Il trattamento combinato Ipoclorito e laser permette di ottenere una completa sterilizzazione del canale oltre che la cristallizzazione con chiusura dei tubuli dentinali)
Il mio consiglio è quello di rivolgersi presso un buon endodontista.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gli "aghini" si usano lo stesso, il laser e' un ottimo strumento per decontaminare ( per abbattere la carica batterica dei canali).

Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
In aggiunta a quanto ben scritto dai colleghi, si, è un "nuovo modo" di fare devitalizzazioni.
Aiuta a sterilizzare i canali, lo fa in modo un pò più veloce dei metodi convenzionali, ma non necessariamente in modo più completo.
Lo fa, ovviamente, solo in linea retta e la luce laser non può ovviamente seguire le curve della radice ed è inutile quando queste sono presenti (cioè nella maggior parte dei casi).

Il laser è comunque un bel giocattolo che, anche se utilizzato da una capra, fa comunque scena.

Sottolineo il suggerimento del dr. De Socio.
[#4] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per le gentili risposte.
Quindi se il problema della mia devitalizzazione venuta male è che il dentista non è riuscito ad arrivare fino in fondo ai canalini (mi sembra che il dentista abbia detto qualcosa del tipo che i canalini erano troppo stretti e si rischiava di rompere il dente), il laser non può essermi di aiuto?
Se conoscessi un buon endodontista ci andrei sicuramente, ma purtroppo non ne conosco. Come poter riconoscere se un dentista è un buon endodontista?
[#5] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Beh no, il laser non aiuta a superare restringimenti canalari.
Lì è sicuramente più utile la perizia dell'endodontista rispetto a qualsiasi altro strumento.
Un'idea per trovare un endodontista nella sua zona potrebbe esser quella di ricercare un professionista iscritto ad una società scientifica endodontica. Quelle italiane sono l'AIE (accademia italiana di endodonzia) e la SIE (società italiana di endodonzia). Provi a vistare i siti di queste due società.
Molti ottimi endodontisti tuttavia non vi sono iscritti.
Se non ha problemi a spostarsi poi non le sarà difficile trovare ottimi endodontisti che sono delle eccellenze sia a livello nazionale che all'estero.

Cordialità
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni
28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
come lei ha ben capito, il laser può essere utile in endodonzia ma non è indispensabile, soprattutto è uno strumento utilizzato per migliorare la disinfezione dei canali ma non serve per aprire la strada e percorrere fino in fondo i canali, cosa che viene fatta meccanicamente con strumenti manuali e rotanti.
Requisiti sicuramente più importanti del laser per l'ottenimento di una buona cura canalare sono l'isolamento del dente da trattare con diga di gomma, l'utilizzo di sistemi di ingrandimento, la valutazione radiografica, l'utilizzo di un rilevatore d'apice, ecc. nonché il rispetto di determinati principi che, come dimostrato in letteratura, portano ad un successo più predicibile della cura; non ultima ad esempio la bontà del restauro coronale.
Un buon endodontista quindi lo riconosce da quanto detto sopra oppure può consultare il sito della Società Italiana di Endodonzia (SIE) dove può trovare dentisti associati presenti nel suo territorio.

Cordiali saluti