Utente 343XXX
Buona sera dottori. Mio padre è in dialisi da tre anni. Ultimamente accusa dei dolorini alla pancia, tipo coliche. Va di corpo e fa anche aria. Il medico generico dice che ha la pancia poco poco gonfia. Ha consigliato di prendere del carbone vegetale e dalla tachipirina se il dolore è forte, ma di chiedere al nefrologo per l'assunzione di medicine per gli spasmi muscolari se ce ne fosse bisogno. Il nefrologo privato dice che lo devono visitare i medici della dialisi, quelli della dialisi fanno orecchie da mercante. Vorrei solo sapere se può prendere del carbone vegetale e, nel caso i dolori continuano, da quale specialista dovrei farlo visitare. Da un gastroenterologo?
Avrei anche un'altra domanda: lui usa la pomata Emla 2,5+2,5 come anestetico sulla fistola prima della dialisi. Poiché costa abbastanza, c'è qualche altra pomata che potrebbe sostituirla? Ho trovato il tubo da 30 gr però della concentrazione al 5% che è un po' più economica, la può usare o è troppo forte per chi è in dialisi?
Grazie per la vostra disponibilità.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Che tipo di dialisi fa ? Emodialisi o dialisi peritoneale ?
Prima di prendere altri farmaci,.. che farmaci prende già? usa sostanze per tenere basso il fosforo?
Per Emla: dopo tre anni che viene forato, la cute sulla fistola dovrebbe aver perso sensibilità. Ha provato senza pomata ? forse il dolore non sarebbe più così forte.
[#2] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
Salve dottor Malmusi, si sottopone a emodialisi.
Dializza tramite fistola da un anno circa, prima dializzava tramite catetere sul petto, per questo usa emla.
Si, prende sia chelanti per il fosforo (tutti i giorni se non sbaglio) che il kaiexalate per il potassio (1 volta a settimana). Poi prende tre tipi di compresse per la pressione e una per il Parkinson.
[#3] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Secondo me bisogna che lui abbia sempre con sè una lista completa e chiara di tutte le medicine che prende, e che ogni medico che lo cura (medico di famiglia, cardiologo, dializzatore) conosca tutti i farmaci che prende; è possibile che ci sia interazione fra questi farmaci, o che uno di essi dia i disturbi digestivi che ci ha descritto. La prima cosa da fare è sempre partire dai farmaci. Se vuole, mi faccia sapere, anche se curare da lontano è sempre difficile... In che centro fa le sedute di dialisi ?
[#4] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
Grazie infinite per la sua disponibilità dottore!
Le riporto i medicinali che assume mio padre giornalmente:
Pandorc, copertura stomaco
Madopar, per il Parkinson
Calcitriolo
Foznol
Catapresan (3 cpr da 300)
Tenormin (1/4 di compressa)
Sevicar
Pradif (per la prostata)
Inegy (colesterolo)
Una volta a settimana assume il kayexalate

Ritiene possa dipendere dalla cura farmacologica dottore?
E riguardo a Emla, potrebbe usare quella al 5% che è più economica di quella al 2,5+2,5?
Grazie ancora!