Utente 909XXX
Gentili dottori,
mi chiamo Giovanna, sono una ragazza di 28 anni, nata nel 1980 e da quando sono stata partorita presento infezioni ricorrenti a cui non si riesce a trovare una spiegazione.
Vi sottopongo il mio caso e Vi domando cortesemente un consiglio perchè sono disperata, non riesco più a condurre una vita tranquilla e anche i rapporti interpersonali, nonché lavorativi sono peggiorati.
Alla nascita ho cominciato a soffrire di tonsilliti e placche ricorrenti, fino ai 23 anni, date da stafililococchi e streptococchi alfa, curate ogni volta con antibiotici e antiinfiammatori, spesso senza neanche fare i tamponi tonsillari per non curanza del medico generico. A 6 anni ho avuto la peliosi reumatica, curata con riposo e antinfiammatori , senza trovare una causa.
Poi a 23 anni mi è stata diagnosticata una faringopatia subatopica (per eccessivo abuso di antibiotici (3 nel giro di 2settimane) per una tonsillite che non andava via e son stata in cura c/o un'otorino che per 3 anni mi ha curato con (viruxan, tinset, mucosolvan, onaka, buccalin.. ed altri tipi di immunostimolanti e sciroppi). A 26 anni(2006), terminata la cura in cicli, gennaio, ho avuto la prima uveite, curata in day hospital con luxazone collirio e deltacortene. Premetto che tra i 15 e 18 anni ho avuto ricorrenti cistiti curate con ciproxin e dai 24anni fino ai 27 ricorrenti candidosi vaginali ( curate con creme, ovuli, pastiglie, fino ad arrivare ad un punto in cui nulla mi faceva effetto). Nel frattempo ho curato a 26 anni con bassado capsule mycoplasma e uroplasma e poi a 27 gadnerella e tricomonas con altrettanti antibiotici.
A dicembre 2006 ho avuto una pielonefrite con febbre a 42 gradi e brividi, curata con ricovero opsedaliero con ciproxin 500 per 2 settimane e antinfiammatorio.
Nel settembre 2008 mi è tornata l'unveite che sto curando con luxazone e atropina colliri e deltacortene. Dal 1998 al 2004 ho sofferto di anoressia e bulimia e dal 2004 al 2008 il problema l'ho superato con l'aiuto di una psicologa che mi segue, ma negli unltimi anni soffro di ansia, diarree coistanti (fino anche 7 volte al giorno), sono perennemente stanca, ho fatto tutte le analisi possibili:glucosio, lattosio, epatite, genetiche, colonoscopia con biopsia..),ma non risulta nulla e non trovo nè causa, nè soluzione.
Cosa mi consigliate di fare? Quali analisi del sistema immunitario, visto che tutt'ora la seconda uveite tende a non passare?Tra l'altro dall'ecografia risulta che ho un difetto all'uretere e soffro anche di coliche renali.
Grazie mille per avermi ascoltato. Cordiali saluti Giovanna

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Avevo risposto, ma non vedo il mio post, forse non e' andato a buon fine.

Rimando riassumendo: il comun denominatore della sua storia sembra la abnorme suscettibilita' alle infezioni, che suggerisce di cercare una immunodeficienza cellulare o umorale.

Le singole infezioni, episodicamente prese,sono comuni, e' il fatto di farle tutte, piu' volte cad., che non e' comune.

anche gli ultimi episodi di uveite, associata in parte a infez. urogenitali, richiamano la sindrome di reiter, ossia un disturbo immunitario secondario a episodi infettivi acuti e forse dovuto a formazione di immunocomplessi, come da immunocomplessi a IgA era anche la porpora infatile di H-S. Dolori articolari non ne ha mai patiti?

In definitiva si potrebbe valutare un ricovero per accertamenti in merito allo stato delle difese immunitarie, presso un centro di immunologia clinica (spesso aggregato a una clinica di malattie infettive).