Utente 922XXX
Gentili medici,finalmente mi sono iscritto a questo forum e mi sono accorto di un problema che dilaga in maniera totale in tutto il sito:l'allungamento naturale del pene..!!Ho notato come la maggioranza di voi abbia screditato in ogni modo queste tecniche,in specifico chiamate "jelq",ma non ho ancora letto una vostra spiegazione scientifica e clinicamente fondata sulla loro inefficacia.Mi chiedo come mai nessun andrologo abbia affrontato di petto questo problema che incuriosisce la maggiorparte degli uomini,concordo con voi che on-line ci siano molti truffatori,ma mi chiedo come mai in alcuni siti seri e anche ben medicamente informati ci siano firme di medici che ne attestano la qualità e l' affidabilità.Voglio dir la verità:io pratico esercizi salutari per il pene da due anni,non avevo problemi di dismorfofobia poichè le mie misure erano piu chè nelle media,ma ho iniziato il programma di allenamento per lo stesso motivo per cui vado in palestra ad aumentare in certo senso la massa muscolare.In due anni ho guadagnato due centimetri in lunghezza e 1 in circonferenza,e ciò non mi tange molto ma ovviamente avere un pene piu grande porta molta autostima di se stessi e molta piu virlità.Ovviamente non sono l unico che ha riscontrato benefici da questi esercizi naturali,e a questo punto chiedo...perchè se al mondo ci sono più di migliaia e migliaia di persone che sono rimaste soddisfatte,i medici non trovano un punto d'incontro tra realtà scientifica(che solo voi potete divulgare)e questi benedetti esercizi per il pene?Infatti penso che con la vostra collaborazione si potrebbero risolvere milioni di questi problemi che affliggono l'uomo,senza dover ricorrere a operazioni chirurgiche,che a quanto pare(e con onestà dovete ammetterlo)porta a disfunzioni erettili e varie complicanze del genere.Ci sono persone che per questi problemi legati alla propria sessualità ne risentono molto negativamente anche nella loro psiche,danneggiandoli;dunque perchè non riuscite a trovare un accordo o almeno se ancora siete ostinati a parlare male di queste tecniche,date una "dimostrazione" veritiera sulla loro inefficacia..?Io tengo molto a cuore questi problemi e forse vi chiedo ciò anche per ricevere delle considerazioni su quanto io abbia fatto in questi due anni,nonostante abbia avuto le mie soddisfazioni,se ho sbagliato oppure ho solo danneggiato il mio membro(cosa che ancora non si è verificata).Vi ringrazio in anticipo per la risposta,cordialità
Salvatore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente , essendo noi medici non possiamo parlare di cose poer le quali non ci sono studi scentifici che li dimostrano. Detto ciò in letteratura sono riportati i dati circa gli esercizi di rinforzo del pavimento pelvico i quali influiscono sulla potenza sessuale.
[#2] dopo  
Utente 922XXX

Iscritto dal 2008
grazie per la risposta Dr.Quarto,constaterò quanto detto.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

anch'io confermo in parte le osservazioni fatte dal collega Quarto su una ormai vasta letteratura scientifica sull'argomento della "fisiochinesiterapia del piano perineale" come strategia ,combinata ad altre, nel tentativo di superare alcuni problemi sessuali.

Altro discorso invece è il suo riferimento diretto alla possibilità di un "allungamento" del pene con l'uso di questi esercizi che al momento però non trova conferma in alcun lavoro scientifico "serio", fino ad oggi pubblicato.

Se desidera comunque avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450 ;

oppure ancora le consiglio di visionare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com