Utente 390XXX

Gentili dottori,
sono un ragazzo omosessuale e mi sto ponendo alcuni dubbi riguardo alle modalità di contagio da hiv e da altre malattie sessualmente trasmissibili.
La mia domanda riguarda la masturbazione reciproca: ho letto su questa pagina http://www.medicitalia.it/blog/dermatologia-e-venereologia/4497-masturbazione-reciproca-trasmette-malattie-sessuali.html che è considerata una pratica sicura. Allo stesso tempo però dovunque si legge che il liquido preseminale è un possibile vettore di contagio. Quello che non mi è chiaro è: nella masturbazione reciproca ci si tocca un po' dovunque, la stessa mano può venire a contatto sia con il proprio glande che con il glande del partner, con "trasferimento" di liquido preseminale da uno all'altro... ma il glande non è una mucosa che può avere microlesioni invisibili? E la mano non può avercene anch'essa?
A meno che con "masturbazione reciproca" non si intenda che ciascuno debba toccare esclusivamente il pene dell'altro, stando bene attento a non toccare mai il proprio...!?
Potreste quindi spiegarmi come stanno le cose?
Inoltre: quale è, in generale, un attendibile valore di rischio per il liquido preseminale?
Grazie mille per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Sono solo fobie. La pratica non è da considerarsi a rischi MST eccetto rarissimi (direi teorici) casi di sifiloderma roseolico e papuloso presente sulle mani di soggetti affetti da sifilide secondaria.

Saluti
Dr Laino