Utente 197XXX
Buongiorno,
Chiedevo consulto per quanto riguarda degli impianti dentali che sto mettendo.. proprio ieri ho completato uno di essi senza problemi mentre l altro è venuto via dopo aver provato un dolore lancinante.
Spiego meglio. Faccio impianto a due premolari sia destra che sinistra a distanza di un mese l uno dall' altro. Come tutti seguo il periodo di osteointegrazione che dalle radiografie risultava tutto apposto.
Ma proprio ieri ecco il danno sul molare di destra, il dentista inserendo la corona do ceramica mi fa un male pazzesco avverto davvero un dolore fortissimo quando poi rimane in mano al dottore l impianto per intero. Ora sono col molare sinistro tutto apposto, compreso di ceramica che sembra non dare problemi mentre dell' altro mi hanno detto che dovrò aspettare tempo un mese per la rigenerazione dell' osso e della gengiva..
Io non.so se fidarmi o meno..il mio osso posso stare tranquilla che dopo questo "shock" possa tornare come prima? E provare a rifare l impianto? E tutto questo innanzitutto si potrà effettuare anke in gravidanza??
Attendo una risposta, sareste gentilissimi, a presto
Serena
[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, questo è un altro caso che finirà in un cassetto e lascerà la letteratura invariata con percentuali altissime di successo e predicibilitá. Nel suo caso possiamo dire che abbiamo un 50% di insuccessi e nessuna predicibilitá. Purtroppo non conosciamo il caso per dirle se è il caso di persistere su questa strada o passare al tradizionale ponte che in linea di massima è fattibile anche in gravidanza.
[#2] dopo  
Utente 197XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dottore e grazie della risposta in breve tempo..adesso ritornerò tra un mese per controllare la situazione .. E vedremo .. Ma lei per ponte cosa intende? Le specifico che io non ho ne dente ne impianto solamente un buco in gengiva e nell' osso che è stato fatto quando è stato inserito l impianto incriminato..
[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Salve,
la perdita di un impianto dopo
30 giorni e ' dovuta a mancata osteointegrazione.

Cause:

- infezione precoce(perimplantite) o infezione preesistente e non diagnosticata e risolta del sito impiantare

- inserimento errato dell'impianto stesso
-surriscaldamento osso durante la
fresatura
- errata programmazione della chirurgia, che non consente il raggiungimento dei criteri minimi di stabilità necessari per permettere l'integrazione nell'osso della
fixture.

Statisticamente puó succedere, l'importante è capire quale sia stato il problema, programmare correttamente il prossimo intervento ed evitare che tali condizioni si ripetano.
Nel dubbio si rivolga ad un
Implantologo esperto.
Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Per ponte fisso intendiamo una protesi fissa supportata dal dente che precede il dente mancante e dal dente successivo, chiaramente con costi biologici maggiori. Nulla di fantascientifico si tratta di una riabilitazione non chirurgica utilizzata da circa 100 anni da milioni di dentisti.
[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
sostituire un dente mancante con un impianto (radice artificiale) è sempre la prima scelta in assoluto, molto meglio di quella di rovinare irrimediabilmente due denti per metterne uno.
Primo: non fare danni (non limare due denti), poi, se possibile, curare (inserire il dente che manca).

Cosa può essere successo?
Il racconto (il crack improvviso) fa pensare ad una osteointegrazione incompleta: fa forza applicata superava quella data dal contatto osso-impianto (B.I.C. ovvero Bone Implant Contact) e l'impianto è venuto via lasciando un canale osseo pressocché intatto.
Sarebbe stato necessario attendere ancora qualche mese.
E' una cosa che è successa anche al sottoscritto.

Se è ho visto giusto, ed è questo quello che è successo (e il suo dentista lo saprà di certo), la scelta di rimettere l'impianto dopo un mese è corretta.

Sono cose che possono succedere senza una colpa del dentista.

Il reintervento in questo caso è semplicissimo (il buco è già fatto), ed ha una altissima probabilità di successo.