Utente 470XXX
Gentilissimo dottore, mi chiamo Sabrina, ho 36 anni.
Sono stata gravemente obesa per moltissimi anni , (138 kg) poi nel 2012 go deciso di cambiare testa e da sola comperando una cyclette e modificando il mio stile di vita sono Arrivata ad oggi , 82 kg .
Premetto che ora faccio uno stile di vita molto attivo , cammino molto , mangio sano.
I miei primi problemi escono fuori qualche anno fa, mal di schiena che poi passava così come la sciatalgia attribuita ad un problema di ginocchio valgo e sublussazione rotulea con artrosi dovuta aimé al peso.
Sfortunatamente da qualche mese ho iniziato ad avere problemi a passare dalla posizione seduta ad eretta.. mi alzavo dalla sedia con la schiena piegata..ho ignorato il problema. Nel giro di qualche mese durante la notte comincio acessere bloccata nel letto da non potermi girare con forti dolori anche ai fianchi e parestesie al braccio sinistro pollice indice e medio .
Fuori dal letto la rigidità persiste per almeno un paio di ore e poi gradualmente si allevia.. se è una giornata no il dolore mi perseguita. A volte camminando mi sento lenta e anche con uno strano senso di " ubriachezza" , ultimamente faccio fatica a concentrarmi , sono spesso distratta ma ho pensato allo stress, attualmente lavoro a 2km da casa e vado spesso a piedi , purtroppo il mio lavoro a volte mi costringe a continui piegamenti o sollevare pesi perché mi occupo di una persona anziana che non è autosufficiente e devo continuamente pegarmi alzarla , fare con lei le scale...
Sono andata a fare una RMN cervicale e lombosacrale
Rachide cervicale : riduzione di segnale in t2 dei dischi intersomatici del tratto c4/c7 in rapporto a fenomeni di disidratazione discale.protusione discale focale mediana c3 c4 che impronta lievemente il sacco durale.protrusione discale ad ampio raggio c4 c5 che impronta il sacco durale.protusione discale focale mediana di c5c6 che impronta il sacco durale. Ampiezzacdel canale nei limiti .normali i metameri e gli altri dischi. Midollo normale senza apprezzate aree di alterato segnale nel contesto.non espansi.
Rachide lombosacrale riduzione di segnale t2 dei dischi intersomatici del tratto l4s1 per fenomeni di disidratazione discale.protrusione discale ad ampio raggio l3l4 che comprime il sacco durale. Protrusione discalead ampio raggio l4l5 che comprime il sacco durale. Piccola ernia discale contenuta mediana di l5s1 che giunge a contatto del sacco durale. Normali i metameri esaminati. Ampiezza del canale nei limiti .cono midollare in sede. Non espansi.
Sono molto preoccupata , devo fare emg e poi a fine gennaio visita neurochirurgica . E Nel frattempo? Il medico mi ha prescritto diclofenac ho preso oki che poi non funzionava più , in alcuni casi Toradol .Grazie della cortese attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Della Corte
40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Guardi che lei è ancora in sovrappeso, per cui dovrà perdere ancora Kg fino a raggiungere un Bmi più vicino ai valori accettabili (anche se mi complimento per gli effetti della dieta in questi ultimi anni).
Può darsi che il Neurochirurgo, se rileverà deficit radicolari o altro, consiglierà un intervento chirurgico; in questo caso per sceglierei. se fossi il Chirurgo prescelto per la bisogna, la tecnica mininvasiva per il minor rischio chirurgico, più leggera convalescenza ...
Se ha piacere, dia pure ulteriori notizie.
Cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Grazie mille per la sua risposta. La terrò aggiornata dopo l' elettromiografia. Nel frattempo volevo chiedere posso continuare a lavorare o sarebbe meglio un periodo di riposo fuori da carichi pesanti? La mia condizione è da considerarsi seria o posso pensare di risolvere senza intervento in rapporto con la mia età, mi spaventa pensare come sarò in futuro.
Certo che l obesità ci distrugge e non ce ne rendiamo conto quando basterebbe volersi bene un po di più.
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Della Corte
40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2009
Quando si soffre di una patologia rachidea, direi che astenersi dal sollevare pesi sia sempre consigliabile.
Dia pure le ulteriori informazioni che possono essere utili e legga pure (chè potrebbe interessarLa) quanto ho scritto, pochi minuti fa, al paz. richiedente consulto STENOSI il 14.11 u.s.
Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Gentilissimo Dottore purtroppo venerdì scorso a seguito di forti dolori e vibrazioni generali Dalla punta dei piedi alle braccia con senso di mancanza di respiro sono andata in ambulanza in ps ,mi trovavo al lavoro. La sensazione di malessere generale era terribile. Mi hanno fatto 3 punture soldesam 8 mg + Voltaren e muscoril 25 gocce delorazepam. Dimessa con 10 gg riposo poi ricetta urgente per visita neurochirurgica che effettuerò giovedì al s.anna di Como. sto seguendo terapia con medrol 16 1 cp al mattino Brufen 600 2 volte al dì e tachidol bustine 2 al gg più protezione per stomaco. Al momento i sintomi si attenuano ma la mattina sto sempre malissimo e la fatica alle gambe e braccia più senso di costrizione generale rimane. Ho fatto emg arti superiori ed inferiori nella norma soltanto sindrome tunnel carpale ad entrambe le mani. L esame si è svolto in maniera molto superficiale in max 10 minuti senza nessuna valutazione clinica o visione di referti rmn. Morale della favola continuo a stare male. Sono seriamente preoccupata. Grazie x le sua disponibilità.
[#5] dopo  
Utente 470XXX

Iscritto dal 2017
Dottore mi scusi volevo anche aggiungere da qualche giorno ho bisogno di urinare più frequentemente con accentuazione del dolore se non scarico la vescica. Grazie mille
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Della Corte
40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2009
E' importante che il Neurochirurgo valuti l'eventuale presenza di deficit neurologici: l'indicazione ad un eventuale trattamento chirurgico dipende da ciò, come Le ho già detto.

Che l'emg sia sostanzialmente neg. non è particolarmente dirimente.

Può essere che il discorso della minzione sia legato ad una cistite in atto: intanto farei un esame urine completo con ev. urino coltura. Se l'esame fosse positivo, basterà aggiungere un antibiotico ad hoc per il germe evidenziato.

Ad intuito, la Sua mi sembrerebbe un accesso "di sciatica" con componente ansiosa (il Collega che Le visiterà e potrà visionare le immagini, sarà più preciso).

Dia pure ulteriori riscontri.
Cordialità.