Utente 940XXX
Buongiorno,
ho 22 anni e, da circa 8 mesi, ho scoperto di essere un diabetico di tipo 2 (ho compensato comunque con la dieta).
Contemporaneamente alla scoperta della mia malattia mi sono fidanzato ed ho iniziato ad avere i primi problemi. In pratica, durante il rapporto sessuale, raggiungo una buona erezione e la mantengo abbastanza bene fino al raggiungimento dell'orgasmo da parte della mia ragazza tuttavia io riesco difficilmente a raggiungerlo con la penetrazione e molte volte l'erezione scompare impedendomi una penetrazione efficace.Anche la sensibilità non è molto buona pertanto necessito di una stimolazione particolarmente energica e prolungata per raggiungere l'orgasmo. Il diabete mi ha fatto male psicologicamente poichè ha distrutto in un attimo tutti i progetti lavorativi che mi ero fatto tuttavia non credo che il problema psicologico possa essere così importante da comportare tali manifestazioni. Vorrei un parere da parte vostra, parlarne con il mio medico è imbarazzante. Mi scuso per il disturbo e auguro buon Natale e felice anno nuovo. Nicolò

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
dubito che un diabete compensato con dieta possa provocare questo alla sua età. Il deficit erettivo è sintomo di problemi fisici o psicologici che solo una vista da un collega può chiarire
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cario lettore,

qualche volta, al diabete, possono associarsi problematiche vascolari complesse che possono alterare la funzionalità sessuale.
La scoperta del diabete a 20 anni può essere un altro motivo di "disagio" sessuale che si puà esprimere anche nelle modalità con cui si consegue l'orgasmo e la eiaculazione.
cerchi di non porsi eccessivamente il problema, magari cerchi di parlare con uno psicologo che la possa aiutare sotto il profio emotivo
Una valutazione andrologica completa potrebbe successivamente essere opportuna
A Genova non le dovrebbe essere difficile trovare gli specialisti adatti
cari saluti