aids  
 
Utente 311XXX
Buonasera , circa un mese fa ho avuto un epidemite eche il medico mi ha fatt curare con Ciprofloxacina per 10 gg , non passando sono andato da un urologo che dopo eco scrotale e ispezione anale della prostata ha evidenziato una prostatite. mi ha prescritto Rocefin 5 gg e basado 10 gg , nonstante cio ho ancora problemi.ho cominciato ad avvertire anche un fastidio alla lingua e oggi controllando bene spalancando e aprendo la bocca allo specchio riesco a vedere dei puntini bianchi attaccati quasi alla fine della lingua visibile. provando a grattare risultano proprio attaccati. volevo chiedervi se questo potrebbe seere sintomo di candidosi esofagea, che associato a una terapia antibiotica che non funziona potrebbero essere sintomi di conclamazione AIDS.
Il padre della mia ragazza è positivo a HIV lei mi ha detto che ha fatto esami di controllo poco piu di un anno fa,e che era tutto a posto.
noi abbiamo avuto rapposrti a rischi ma stiamo insieme da tre anni quasi e ho saputo questo solo quest'estate.
secondo voi sono quindi compatibili i miei sintomi?
Ovviamente a giorni mi recherò a fare un test. però volevo per favore qualche opinione. grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
è importante innanzitutto che lei accerti che la sua infezione prostatica sia stata eradicata, tanto più che i Medici di Base e taluni "specialisti" non perdono l'abitudine di trattare infezioni in queste sedi, anatomicamente poco raggiungibili dagli antibiotici, in modo empirico, spesso arrecando danni non solo al paziente ma alla intera comunità.
Si rivolga pertanto ad un Andrologo esperto e capace.
Sulle sue descritte lesioni linguali non posso assolutamente esprimermi telematicamente: faccia vedere la sua lingua al curante che, spero, le prescriverà un tampone linguale o una visita da un ORL.
Per quanto riguarda il suo timore relativo all'HIV credo proprio che la sua paura di essere in fase di AIDS conclamata sia supportata dal nulla.
E' piuttosto utile che sia Lei che la sua partner vi sottoponiate ad un test HIV di IV generazione: la negatività per entrambi, da considerarsi definitiva, vi connsentirà e soprattutto LE consentirà una vita sessuale appagante e senza timori.
Saluti cordiali.
Caldarola.