Utente 476XXX
Salve, sono un ragazzo di 21 anni è ho un piccolo problema con me stesso.
Attualmente mi trovo a poco tempo da dover affrontare una situazione che io stesso ho "creato".
In pratica a breve dovrei affrontare un concorso molto serio che cambierebbe totalmente la mia vita, cosa a cui ero pronto....anzi di più. Ero veramente molto convinto della mia scelta e non avevo mai pensato (o forse non volevo pensare) ad alternative. O almeno così era fino a poche settimane fa quando - involontariamente o forse no - ho "abbassato la guardia": ho iniziato a pensare ad alternative nel caso in cui questo concorso non fosse andato bene e più passavano i giorni più questi entravano in conflitto con l'idea originale. Ora mi trovo in questa situazione dove il mio orgoglio si rifiuta di cambiare piani, ma il mio cuore mi dice che non è la strada giusta. Sono addirittura arrivato a pensare di infortunarmi apposta per non partecipare, salvo poi darmi dello stupido da solo. Non voglio semplicemente tirarmi indietro perché essendo una cosa che avevo scelto io e soprattutto dopo i "sacrifici" che ho fatto e le speranze che avevo dato alle persone a me vicine quando parlavo di questa scelta...sarebbe un colpo troppo grande per il mio orgoglio. Forse sono semplicemente impaurito dai possibili giudizi di queste persone......
Sapreste darmi qualche consiglio, qualche spiegazione a questo mio malessere o qualche rimedio
Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Armando De Vincentiis
52% attività
20% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
gentile utente le scelte devono essere funzionali e operativi. Valutando i costi e i benefici nuove strade possono , in ogni momento, rimpiazzare quelle vecchie.
in queste occasioni l'orgoglio può solo essere un ostacolo a scelte più intelligenti. A buon intenditor....
saluti
[#2] dopo  
Utente 476XXX

Iscritto dal 2018
Il problema è che (e mi scuso per non averlo specificato prima) in questo caso intrapresa una strada l'altra diventa automaticamente inaccessibile per motivi che non scelgo io ma perché così è per alcune "regole"
Riguardo l'orgoglio le do perfettamente ragione, ma è così che sono fatto purtroppo....