Utente 109XXX
Salve ho 27 anni e da qualche mese ho scoperto di soffrire di MRGE,anche se sono da piu' di due anni che accuso i sintomi,perche' solo ora ho scoperto questo problema, perche' ho sempre avuto molte infezioni della gola e sono andato spesso in cura da otorini che mi hanno fatto fare test allergici, tampone faringeo,esami delle urine,elettroforesi,VES e tutti i vari esami del sangue...,ho fatto cure di anticorpi tipo ismigen e la notte il gaviscon,clenil per problemi alla gola, antibiotici vari tipo locabiotal,ecc,insomma tutti medicinali legati all'apparatto respiratorio, ma non hanno mai fatto nulla al mio problema permanente.Tutto questo l'ho fatto perche' da piccolo soffrivo di laringite ipoglottica che mi causava tipo asma ed ero allergico agli accari e le graminacee,allergie che ora mi sono sparite (ho fatto per due volte i test allergici e tutte due volte sono risultati negativi). Tre mesi fa ho fatto finalmente la gastroscopia e il referto dice: esofago distale con mucosa iperemica erosa,cardias incontinente con frequenti prolassi di mucosa fundica;stomaco ipertonico con succo gastrico abbondante, mucosa iperemica; piloro circolare e duodeno della norma. In parole povere ho un esofagite di primo grado con gastrite superficiale.Subito dopo mi e' stata data la cura,per un mese:axagon 40 mg 1 pastiglia per un mese ogni mattina.
Dopo un mese mi e' stata abbassato il dosaggio,sempre 1 pastiglia di Axagon questa volta la sera ma da 20 mg, piu' delle pastiglie che non ricordo il nome da prendere prima dei pasti,queste per due settimane.Il problema rimane sempre,la mattina mi alzo sempre con il catarro sulla gola,perche' sicuramente ho sempre qualche leggera infezione, difficolta' ad espellerlo, e alla fine mi viene il rigurgito,naso tappato,ma solo una narice che si alterna,qualche volta e' la destra altre volte la sinistra, e spesso orecchie tappatte che mi fanno compensare parecchio per stapparle, addirittura a gennaio avevo anche una bella bronchite,perche' con queste infezioni che diciamo ho sempre,basta che prendo un po' di freddo e la situazione puo' peggiorare parecchio.La cura mi e' stata sospesa perche' mi hanno detto che troppi farmaci che riducono la produzione di succhi gastrici nello stomaco possono causare tumori ecc ecc.Recentemente ho rifatto un'altra visita da un ottorino specializzato,un primario dell'ospedale di Fermo, mi ha dato questa cura che sto facendo ora:per dieci giorni mattina e sera bactrin antibiotico, dopo i dieci giorni in mezzo ai rimanenti 20 per sette volte devo prendere il kostine,il gaviscon sciroppo almeno tre volte al giorno e fare lavaggi con acqua-sale il naso piu' volte al giorno,tutto questo per tre mesi.Come diagnosi ha scritto che e' piuttosto composta la mia situazione anche se la situazione endoscopica e' compatibile con uno stato di mucosa iperemica erosa.Devo sottolineare che mi ha fatto il controllo al naso con le fibre ottiche rigide.Sono dieci giorni che ho iniziato la cura ma mi sembra che questi antibiotici mi stanno facendo solo peggio.
Alla fine io chiedo se posso trovare qualcuno che puo' veramente aiutarmi,perche' ancora non ho capito se i miei problemi sono causati dallo stomaco, o da infezioni alle vie respiratorie,addirittura un ottorino voleva levarmi le tonsille,perche' diceva che erano troppo grosse e ipervascolarizzate,cosa che dei medici hanno escluso categoricamente,perche' i test del sangue VES ecc,dicono che le tonsille sono apposto.Io di fronte a tutte queste indecisioni so solo che sto 365 giorni all'anno sempre con delle leggere infezioni alla gola,e se bevo qualcosa di leggermente freddo o prendo un po' di freddo sto molto male,infatti per me l'inverno e' piu' duro del periodo estivo, e ultimamente sto attento al mangiare non bevo piu' alcoolici,non fumo e ho alzato anche i piedi del letto,ma non sto trovando miglioramenti. Che devo fare???Spero che riesco a trovare qualche medico che puo' aiutarmi.Premetto che sono tre anni in queste condizioni,e piu' il tempo passa e piu' mi sembra di stare peggio,perche' e' da tanto che la mattina quando mi alzo sto sempre male e mi viene da rimettere perche' mi sembra di avere un bolo in gola.Attendo notizie grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bellacci
24% attività
0% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Io penso che Lei abbia una malattia da reflusso gastroesofageo conclamata con frequenti episodi notturni di reflusso acido dallo stomaco, e questo Le crea la sintomatologia di dolore urente alla gola e la bronchiolite per verosimili episodi di aspirazione acida durante la notte. Lei ha già fatto la esofagogastroscopia ma per un quadro più preciso le conmsiglio una Ph-esofagomanometria sulle 24 ore, che permette di documentare gli episodi di reflusso acido gastrico ( se effettivamente presenti).
Per il momento le consiglio di dormire appoggiato su un paio di cuscini per tenere il torace in posizione alta e di continuare al terapia con inibitori della acidità gastrica e, come da lei menzionato, il gaviscon o similari.
E' opportuno alimentarsi a distanza di almeno tre ore dal sonno notturno e con pasti semplici.
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2006
la ringrazio vivamente di avermi risposto,anche io credo che i miei problemi sono legati quasi esclusivamente al reflusso gastrico,la storia del letto l'ho fatta gia' un po' di mesi fa,ho sollevato di 20 cm i piedi del letto con dei pezzi di legno dalla parte della testa e poi sto parecchio attento a quello che mangio evitando caffe' alcoolici ecc..gli unici problemi o meglio abitudini che ho da piccolo da risolvere e che mangio spesso velocemente e mastico pochissimo i cibi,abitudine che ho da piccolo, e poi un atteggiamento di scoliosi che sto spesso con la pancia in fuori,dovrebbe essere un atteggiamento di lordosi se non sbaglio,questi due abitudini credo che non giovino al mio problema di reflusso gastrico.Cmq la ringrazio nuovamente per avermi risposto,grazie mille davvero.