Utente 988XXX
Salve,
cercherò di illustrare il mio problema.
Sono un ragazzo di 26 anni,da circa 5-6 anni,durante il periodo Novembre-Febbraio soffro di geloni alle dita dei piedi;in realtà le mani e i piedi freddi li ho quasi sempre (sono molto magro) ma durante il periodo più freddo,le dita dei piedi mi diventano violacee stando in posizione eretta o seduto,salvo ritornare normali non appena distendo le gambe.

Questo non mi ha mai causato particolari problemi,mi son sempre curato con un integratore naturale del microcircolo e crema POL da mettere tutte le sere sulle dita dei piedi.

Da circa una settimana a questa parte però,la cosa è cambiata,i sintomi son cambiati in questo modo:

-Gambe (specialmente dal ginocchio in giù) affaticate,al risveglio mattutino molto "dure" e pesanti,con la sensazione di avere molto sangue bloccato nella zona.Durante la giornata questa sensazione sparisce piano piano.
-Stando sedute le mani mi diventano molto fredde,ma non viola,mentre i piedi diventano violacei.
-Sensazione di svampate fredde nella parte finale di braccia e gambe
-Indolenzimento nella parte finale di braccia e gambe

Premesso che sono una persona abbastanza ansiosa e che si agita facilmente,il mio medico mi ha mandato nei prossimi giorni a fare un ecodoppler arterioso superiore/inferiore,ecocardiografia e analisi del sangue.
Questi esami mi erano stati prescritti 2 anni fa in una visita angiologica,però non li avevo mai effettuati,perchè il problema non era così rilevante.

Il mio medico sostiene infatti che io abbia si un leggero deficit del microcircolo,che però un particolare stato ansioso e di agitazione,mi può aver fatto peggiorare in questi giorni,a causa del sistema nervoso simpatico.

Io purtroppo come ripeto sono abbastanza agitabile,e questa cosa mi agita facendomi pensare a chissàquale disfunzione cardiaca o circolatoria...

Spero in un vostro consiglio tranquillizzante.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Si affidi con piena fiducia al suo Medico curante che, per quanto è possibile valutare a distanza, sta inquadrando il problema nel modo più giusto.
Mi permetterei di suggerire, se non è già previsto, di integrare i test ematochimici a cui sarà sottoposto anche con lo studio degli indici reumatologici.
[#2] dopo  
Utente 988XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta dott. Piscitelli.

E' quindi possibile che una situazione ansiosa/stress possa accentuare un sintomo quale i geloni fino a farla diventare così diffusa a tutta la metà inferiore di braccia e gambe soprattutto?

Posso escludere in base a questi sintomi (a cui si aggiunge nell'arco della giornata una leggera sudorazione delle mani e brividi freddi dietro la schiena) qualche problema grave al cuore o alla circolazione?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
I quesiti che pone non possono avvalersi di una valutazione a distanza