Utente 367XXX
Buonasera ,
circa 10 giorni fà ho scoperto una chiazza dietro l'orecchio ed ho effettuato subito la visita dermatologica e mi è stata diagnosticata alopecia areata (ancora attiva), mi sono stati prescritti integratori specifici per il cuoio capelluto e una soluzione locale di cortisone....mi stato richiesto anche di eseguire tra 1 mese raggi ai denti nel caso non ci siano miglioramenti.
Vorrei sapere sè può spiegarmi quale problema avrei ai denti per provocare tutto questo?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
vi sono lesioni cosidette focali che possono sparare a partire da alcuni organi tossine batteriche che causano in questo caso caduta dei capelli.In particolare le lesioni da cercare nella radiografia dentale sono per esempio carie, ascessi, pulpiti, etc.
Inoltre andrebbero fatti altri esami ed eventualmente altra visite che penso le verrannoeventualmente consigliate al controllo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Pur non potendo interpretare le intenzioni del Collega, possiamo asserire che raramente, l'alopecia areata può collegarsi a focolai infettivi.

Si determini con il suo dermatologo anche per scoprire le terapie alternative a quelle già imposte, in caso di insuccesso.

cari saluti
[#3] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
per quella che è la mia esperienza clinica la frequenza non è così bassa.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Prof.ssa Elisa Cervadoro
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Ridordo inoltre che a volte l'alopecia areata a piccole chiazze del cuoio capelluto pùò essere manifestazione di una particolare malattia a trasmissione sessuale detta sifilide quindi espressione a distanza di focolaio infettivo.
Sicuramente non sarà il caso del nostro utente, ma questo mio chiarimento vuole spiegare con un esempio il perchè a volte gli specialisti chiedono indagini che apparentemente, agli occhi dell'utente, non sembrano essere collegati.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Come spiegatole chiaramente, sovente una "alopecia areata" (AA) può essere relazionata a situazioni solo raramente a patologie infettive (la mia esperienza clinica pone il raro come accezione passabile rispetto a la vastità dei casi valutati, poichè la stessa Alopecia areata - situazione di tipo autoimmunitario, sottende meccanismi complessi, che solo in parte sono stati chiariti: di sicuro la teoria dei neuromediatori dello stress psicologico [sostanza P, nerve growt factor, CRH, VIP somatostatina, solo per ciatarne alcuni] è quella maggiormente accreditata)

Ovviamente, la prescrizione degli esami a lei fatta è come già asserito, congrua e utile, poichè sovente un "superantigene" (particella infettiva in grado di amplificare una risposta infiammatoria cellulo-mediata) può complicare, automantenere o più raramente causare direttamente una AA nei soggetti predisposti.

questi focolai infettivi spesso non sono visibili con esami di routine poichè si celano in sone poco irrorate dal torrente circolatorio (gli alvi dentali sono uno di questi) e per tale ragione utile la programmazione di esami com quello richiestole.

Per tutto il resto si affidi al suo dermatologo per maggiore chiarezza: egli sarà in grado di darle tutte le ulteriori spiegazioni che il suo caso necessita, ben sapendo che quando si prescrivono esami di difficile comprensione per il paziente le cose sono due:
o ci si fida del medico
o si chiede direttamente ad esso (utilissimo, ma purtroppo non sempre possibile avere chiarimenti specifici, a meno che il paziente sia anch'esso un medico..)

cari saluti