Utente 104XXX
Salve,
ho avuto un rapporto a rischio con una ragazza (sesso orale fatto a lei) ed ho eseguito il test vdrl e tpha 13 giorni dopo. i test sono risultati entrambi negativi, ma il mio dubbio è se possono risultare falsi negativi visti i soli 13 giorni trscorsi o se i test sono da ritenere attendibili.

inoltre in quei 13 giorni non ho riscontrato la comparsa del cosidetto sifiloma primario e nemmeno linfonodi gonfi.

dal 13° giorno ho iniziato una cura di antistaminici, che si protrarrà per circa 2 settimane, prescritti dal dermatologo;
possono in qualche modo gli antistaminici bloccare l'insorgenza del sifiloma primario?

grazie,
saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
C'è un periodo finestra che va rispettato solitamente 100 giorni anche se test di ultima generazione hanno ridotto tale tempo in cui la sifilide può non manifestarsi.
Segua pertanto le indicazioni di chi la sta seguendo (Dermatologo o Centro MTS).Gli antiistaminici non influiscono sull'insorgenza della sifilide
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
ah ok, quindi devono passare almeno 3 mesi per eseguire il test?
periodo nel quale possono comunque insorgere i sintomi della malattia, senza che gli antistaminici possano "decapitare" la sifilide nello stadio primario?


grazie per la risposta

saluti
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,


fatto salvo che la sifilide si diagnostica nella sede dermatologica diretta, sappia che una positivizzazione degli esami specifici è possibile dai 30 ai 60 giorni in media e che gli antistaminici non bloccano alcuna fase della malattia sifilitica.

cari saluti
[#4] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille per le risposte veloci.



saluti