Utente 104XXX
Cari dottori, oggi mi sono sottoposto ad una normale ablazione del tartaro durante la quale l'igienista mi ha fatto notare uno strano alone tra due molari superiori. Immediatamente è stato chiamato l'odontoiatra (ero in una struttura ospedaliera del nord di Milano) che mi fa la diagnosi: grossa carie interdentale infiltrata sotto una vecchia otturazione! Come è possibile, mi chiedo, dopo tutta la attenzione che metto nell'igiene orale! filo spazzolino e colluttorio dopo ogni pasto. Il dottore dopo una lastrina mi informa che la carie è molto profonda e può aver intaccato il tessuto radicolare. Di conseguenza andrebbe trattata con una devitalizzazione ed eventualmente una corona. Tutto questo può non essere necessario se una volta "aperto", la polpa risultasse integra, su questo non può sbilanciarsi fino a che non interverrà. In più una piccola otturazione all'altro dente, anch'esso intaccato da quella carie. Mi è stato dato un appuntamento per la fine di aprile, perchè prima non c'era posto. Il riunito è ENDODONZIA. Le mie domande, gentili dottori, sono le seguenti: può la situazione peggiorare ed eventualmente provocarmi dolore in un mese? Partirò per una vacanza nel mese di aprile e sono preoccupato per questo maledetto dente.
Sempre in questo periodo la carie di quanto può progredire? L'infezione del tessuto radicolare provoca sempre dolore? se non si accusano sintomi come dolore e sensibilità vuol dire che la polpa è ancora sana? Mi consigliate di aspettare la fine di aprile o vista la situazione mi converrebbe rivolgermi a un privato in grado di darmi appuntamento prima della partenza? E cosa comporterebbe avere un dente devitalizzato e una corona? Ho 25 anni e fino ad oggi pensavo di avere degli ottimi denti, forti sani e belli. Sono un po' scosso. Vi ringrazio dottori per i consigli che mi darete. Buonasera

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Princivalle
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROVIGO (RO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
gent.mo paziente,se dopo una rx l'odontoiatra ha confermato la diagnosi di carie interprossimale non vi e' dubbio sulla necessita' di intervenire.
non si preoccupi comunque se non ha dato problemi fin'ora e' molto improbabile che ne dia nell'arco di soli 30-40 giorni.
continui comunque ad usare tutti i presidi previsti per un'ottima igiene orale domiciliare.
cordialita'
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore per la pronta risposta.
Nonostante vada ogni 6 mesi a farmi controllare, questa carie è avanzata in silenzio e senza farsi notare. Forse qualcuno ha agito con negligenza, a mie spese! Vabbè ormai è fatta..che processo subdolo che è la carie! A questo punto mi farò fare la lastrina anche al molare otturato nel primo quadrante, che è nelle stesse condizioni di questo. Solo in questo modo l'odontoiatra può eventualmente diagnosticare la carie infiltrata (la panoramica non mostrava nulla). Spero che al mare la carie non dia segni di pulpite, so che anche i comuni FANS fanno poco in questi casi, speriamo anche perchè sarò a 12 mila km dall'Italia! Dopo questo intervento farò sistemare anche il colletti che sono quasi tutti scoperti. D'altronde i denti vanno curati in giovane età per evitare gravi ripercussioni nella vita adulta. Dottore Lei mi consiglia di usare nel frattempo un colluttorio alla clorexidina, affiancato alla normale igiene orale, per mantenere una disinfezione più accurata? Se si in quali percentuali? So che danno pigmentazione, ecco ci manca solo quella e poi vai di dentiera! Grazie e Buonagiornata
[#3] dopo  
Dr. Stefano Princivalle
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROVIGO (RO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
egr paziente,
non utilizzi collutori alla clorexidina, sono specifici per situazioni che lei per ora non ha!
una igiene orale "meccanica" e l'utilizzo quotidiano (alla sera) del filo intercentale sono piu' che sufficienti.
cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per i Suoi consigli. La terrò aggiornata. I miei migliori saluti.