Utente 163XXX
Il giorno 26 Giugno 2006 mi sono recata presso il dipartimento di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale Brotzu di Cagliari per l’estrazione del 3°molare inferiore destro incluso parzialmente (in quanto nella sua zona vi era un inizio di Piorrea, oltre a essere cariato).
Premetto che soffro di problemi di malocclusione (e loro lo sapevano). NON MI HANNO DATO NESSUNA CONTROINDICAZIONE!
Firmo la liberatoria.
L’estrazione è durata circa 30 minuti, inoltre durante l’estrazione mi è stata trovata una cisti (mi è stato detto dopo che aveva già intaccato la superficie dell’osso). Mi applicano 3 punti di sutura, che poi tolgo dopo una settimana. Inoltre ne dimenticano 1 e torno il giorno dopo per toglierlo.
Il problema sta nel fatto che ad oggi 08/07/06 ho una parestesia di metà lingua e delle gengive dalla parte in cui è stata fatta l’estrazione, praticamente non la sento al tatto e inoltre anche il gusto non viene percepito in quella zona. Ho solo una sensazione costante di lingua ustionata e gonfia (pur non essendo gonfia).
Mi morsico continuamente la lingua sempre dalla parte “morta”, non sentendo niente non me ne accorgo subito ma dopo quando vado a lavarmi i denti vi trovo le lesioni.
Inoltre non riesco più ad aprire completamente la bocca ma solo di 1,5 centimetri (se forzo ho un dolore forte nell’articolazione mandibolare), e ho un disallineamento dei denti visti di fronte (non coincidono i centri fra incisivi superiori e inferiori).
Prima di iniziare l’intervento mi sono state praticate 4 iniezioni di anestetico (di cui 2 di rafforzamento dopo 10 minuti).
Dopo l’intervento per 1 settimana ho fatto iniezioni di Bentelan e ho preso l’antibiotico 3 volte al giorno e l’Aulin 2 volte al giorno secondo la loro prescrizione.
Mi sono già rivolta a loro e mi hanno detto che è la prassi, un decorso normale post-operatorio e mi hanno prescritto il Neuraben 3 pastiglie al giorno per 1 mese.
Vi riporto il risultato della OPT e della Tomografia articolazione temporo-mandibolare effettuata dopo questo intervento.

OPT: Lieve affollamento; area di osteorarefazione distalmente a 4.7 – Plurime otturazioni , trattamento canalare 1.5

Tomografia ATM: Normale morfologia delle a.t.m ; ridotta escursione dei condili in fase dinamica


Ora mi chiedo:
1. La cisti dalla radiografia panoramica non potevano vederla prima?
2. E’ possibile che mi abbiano lesionato il nervo con la puntura dell’anestesia? Se si quale o quali nervi?
3. Si può fare qualche esame diagnostico per vedere se ho un nervo lesionato? Quale?
4. Come mai non riesco più ad aprire la bocca?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Il terzo molare, aveva contatti con il nervo, che passa proprio sotto, spesso questo ha rapporti molto stretti con il dente, tanto che se non si fa attenzione, nella estrazione, si strappa una parte di questo, provocando anestesia delle zone da lei lamentate. Con una attenta analisi della radiografia ed una eventuale tac/dentascan, si poteva evidenziare questa possibilità abbastanza frequente.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Silvestro Accardo
24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
non avendo tutti i dati clinici sotto mano non è semplice dare una risposta esauriente e precisa:spesso comunque dopo un intervento di avulsione chirurgica del dente del giudizio in inclusione accompagnata da ampia revisione della cavità postoperatoria può esserci una sensazione di anestesia o parestesia transitoria legata all'edema postoperatorio. raramente tale anestesia è permanente.. meglio far tenere tutto sotto controllo
[#3] dopo  
Dr. Fabio Gramaglia
24% attività
0% attualità
0% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Buongiorno,sicuramente avendo la possibilita' di visionare gli esami e di sottoporla ad una visita,si potrebbe essere piu' precisi,pero' sicuramente nell'estrazione e soprattutto nell'asportazione della cisti,vi e' stato un interessamento del nervo alveolare che decorre proprio nelle vicinanze.Ora si puo' attendere qualche mese (fino a 5-6) per vedere se la parestesia cessa ,altrimenti puo' sottoporsi ad una TAC che permette di vedere se il nervo a subito grossi danni.Quello che e' certo che avrebbero potuto trattarla un po' meglio !
Le faccio i migliori auguri.

Dott. Fabio Gramaglia
[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Se non riesce più ad aprire la bocca, serve un byte per riportare la masticazione com'era prima della estrazione. In presenza di malocclusione anche lieve andrebbe sempre preso in esame la possibilità di avere un byte ben fatto prima dell'estrazione. In questo caso se fosse stato fatto prima il riposizionamento dei denti sarebbe relativamente facile.
Daniele Tonlorenzi
dtonlorenzi@mcarrara.com