Utente 107XXX
Salve.
Ho 24 anni. Ricordo che da bambino avevo problemi a far scorrere il prepuzio sul glande che rimaneva quindi coperto da questo. Poi col tempo...e la masturbazione, il prepuzio ha guadagnato in elasticità risolvendo il problema. Tuttavia con lo scoprirsi del glande avvertivo che il frenulo tirava molto. Anche questo col tempo è divenuto più elastico e robusto, permettendomi di stendere tutta la pelle verso la base del pene in erezione. In questa posizione però il frenulo è teso e tira lievemente il glande verso il basso; il fastidio in verità è poco.
Vengo dunque al punto: soffro di eiaculazione precoce (ne ero convinto anche prima che tutti i forum me lo confermassero), anche nella sola masturbazione. Il piacere è totalmente concentrato nella zona appena sotto al frenulo tanto che in piena erezione mi basta tendere al massimo la pelle e sfiorare quel punto per eiaculare. Alla base,lungo l'asta,sul glande...nn sento nulla. Per fare una prova ho tentato masturbandomi solo lungo l'asta,senza lambire la zona sensibile...ebbene sarei potuto stare lì anche un giorno intero.....
Devo aggiungere che il pene presenta una curvatura verso il basso,che posso definire lieve dopo essermi documentato in rete.
Tirando le somme sono abbastanza convinto a tentare la via della frenuloplastica/frenulectomia/frenulotomia sia per una questione di comodità ed estetica, ma soprattutto come tentativo di desensibilizzare quella zona. Chiaramente mi sento di escludere cause psicologiche (le ho provate tutte).
Ho fatto più o meno il quadro generale risparmiandovi le varie esperienze con le malcapitate partner. Vi invito a consigliarmi, leggittimare o smentire le mie convinzioni.
In verità la domanda che mi ha spinto a scrivervi è un'altra, ma mi è sembrato opportuno spiegare prima la situazione. Sono uno studente fuorisede convenzionato con l'usl del posto; per questioni di.."privacy" preferisco nn rivolgermi a specialisti della mia città e fare tutto qui. Qual'è in dettaglio la procedura per ottenere una frenuloplastica? Il prezzo indicativo? A chi devo rivolgermi? (evitando il medico di famiglia da cui tralatro nn sono mai stato...in famiglia ho un po di medici...)
Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la sua accurata descrizione parrebbe confermare la presenza di un frenulo breve che si può giovare di un trattamento chirurgico. Nondimeno è indispensabile una preliminare valutazione urologica o andrologica.
Per maggiori dettagli in merito al problema che ci segnala può anche leggere un mio approfondimento dal titolo “Il frenulo del pene: tutto o quasi quello che c'e' da sapere”, al link http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=63934 di questo sito.
A chi rivolgersi? Per una struttura convenzionata ritengo debba passare attraverso il suo medico di base, per una soluzione in ambito libero-professionale può identificare specialisti che operano sulla sua zona sia su questo sito sia sul sito della Società Italiana di Andrologia www.andrologiaitaliana.it
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Pescatori che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate sull'eiaculazione precoce, frequente disfunzione sessuale maschile, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#3] dopo  


dal 2011
Vi ringrazio delle risposte.
Ci ho messo un po' ma sono riuscito a scoprire chi fosse il mio medico di base e ad ottenere l'impegnativa per una visita andrologica. Sono stato al CUP e tempi di attesa sono di 5 mesi! Ovviamente ho intenzione di risolvere il problema il prima possibile ma date le mie quasi nulle conoscenze della "burocrazia medica" ho un po' di dubbi.
Rivolgendomi ad uno specialista privato spenderei sui 100 euro e mi sembra un prezzo giusto a fronte dei 5 mesi di attesa. Una volta effettuata tale visita, presupponendo che mi venga indicata una soluzione chirurgica, dovrò svolgere anche questa in ambito privato? (ho sentito che i costi sono assai elevati). In caso contrario dovrò passare di nuovo per il medico di base e il CUP? E indicativamente i tempi d'attesa per questo genere di operazioni (frenulotomia-circoncisione) sono lunghi quanto quelli per la visita?
Insomma vorrei risolvere (sempre che sia possibile) il problema al più presto. Preferisco fallire subito piuttosto che restare sulle spine. Come mi consigliate di agire?
Grazie.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

in questi casi il consiglio più informato e mirato lo può dare solo il suo medico di medicina genarele che meglio di noi conosce la situazione delle strutture sanitarie vicine alla sua residenza ed è anche meglio informato sulle vicissitudini burocratiche, tempi, presenza di strutture pubbliche, private convenzionate, ecc, ecc..

Quindi è a lui che bisogna dare l'ultima parola.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com