Utente 109XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni e chiedo informazioni rispetto una terminologia medica molto usata nei miei confronti in questo ultimo periodo ma poco efficace in termini di comprensione. Premetto che sono una persona in buona salute, faccio regolare attività sportiva, normopeso e attenta alla qualità e alla quantità della propria alimentazione e presto attenzione all'equilibrio sonno -veglia.
SITUAZIONE N.1: da circa 5 anni soffro di verriche al viso (1/2 l'anno) sempre rimosse con la clioterapia. L'estate scorsa, in concomitanza con un periodo molto stressante me ne sono comparse 20, sempre in viso. Tutte le verruche (tranne una) sono sparite con la risoluzione della situazione stressante e una cura omeopatica. I medici nominano il sistema immunitario come sfera debole e fonte di manifestazione delle verruche.
SITUAZIONE N.2: Due settimane fa ho aimè scoperto di avere herpes simplex genitale (linfonodi inguinali gonfi per tutta la durata dei sintomi), manifestatosi in concomitanza con cistite. L'herpes è stato efficacemente curato con ZOVIRAX 200mg 5 volte al giorno x5giorni. Anche in questo caso i medici (medico curante+medico che mi ha diagnosticato l'herpes) parlano di crollo del sistema immunitario.
DOMANDA: partendo dal presupposto che mi sento bene, mi sento dire che devo "tirarmi su", che devo prendere delle vitamine... e nessun altro consiglio!Come si può dare una scientificità a questa espressione "crollo del sistema immunitario"? Se conoscessi degli esami li farei, visto che l'esperienza dell'herpes genitale mi ha scosso notevolmente.
Attendo una vostra gentile risposta
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Queste manifestazioni fanno parte della vita abbastanza stressante e attiva di una persona normale. Non sono manifestazioni di deficit immunitari ma piuttosto infezioni locali da riduzione delle difese.
Alcuni esami da fare: IgG, IgA, IgM, elettroforesi, ANA, PCR, beta-2-microglobulina, emocromo con formula, C3, C4, anti-CMV, anti-HSV 1, anti-HSV 2.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta a dir poco tempestiva e provvederò a concordare con il medico curante l'esecuzione degli esami da Lei indicati, sperando pazientemente di debellare queste manifestazioni.
Complimenti per il servizio offerto.
Cordiali saluti