Utente 169XXX
Gentili Dottori. Volevo sapere se l' ipoglicemia è causata solamente da un problema di alimentazione oppure da qualche patologia, Le spiego: mia nonna è diabetica da 30 anni, e ieri, consultando vari siti per documentarmi su questa malattia, ho scoperto che si può soffrire di ipoglicemia. Il punto è che qualche volta, a causa di vari disturbi che ho quasi ogni giorno come ansia, tremore alle mani, debolezza, nervosismo ingiustificato, pallore e debolezza alle gambe, mi è capitato di misurare la glicemia e tutte le volte si aggirava intorno ai 50. Giusto ieri sera l' avevo a 24, ho assunto subito cibi dolci e poi è salita a 58. Però ne soffrivo già dall'anno scorso, tanto che era talmente bassa che nell' "apparecchio" segnava "LOW", così, non sapendo cosa volesse dire, ho consultato il foglio d'istruzioni dove c'era scritto che in questi casi bisognava rivolgersi subito al medico. Non ne ho mai parlato con il mio medico non solo perchè mi sto "occupando" di altri problemi di salute, ma anche perchè ho veramente sottovalutato il problema. Secondo Lei gliene dovrò parlare? è vero che per una crisi di ipoglicemia si può entrare in coma? Mi scusi per la mia preoccupazione ma l'avevo sottovalutato, e poi perchè mangio talmente di tutto che non so cosa fare. Potete dunque darmi un consiglio?
Vi ringrazio di cuore

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Andrea Del Buono
28% attività
16% attualità
12% socialità
CELLOLE (CE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,
un valore di 24 mg di glicemia preclude al coma ipoglicemico per cui se ciò non si è verificato deve controllare se il reflettometro è perfettamente fumzionante (pile cariche, cambio del codice dello strumento all'atto dell'apertura di una nuova confezione di strisce). Pertanto devo ritenere che sia l'ansia a darle la sintomatologia descritta. Comunque faccia un dosaggio della glicemia a digiuno e due ore dopo un pasto ed in caso di sospetta ipoglicemia ne parli con il suo curante. Cordiali saluti
[#2] dopo  
10926

Cancellato nel 2007
Le consiglio di eseguire a digiuno glicemia ed insulinemia e C peptide ( unico prelievo) poi si valuta il rapporto tra i 3 esami ( endocrinologo) e si procede successivamente per steps successivi, se necessari. cordiali saluti. monica mellozzi