Utente 124XXX
Buongiorno, vi scrivo per un problema che mi affligge da circa 10 giorni.
Da questo tempo mi sento molto debole e sonnolento con giramenti di testa che si accentua di più 2/3 ore dopo i pasti,la sensazione e quella di avere la febbre , la mia temperatura esterna è di 36,9 gradi, e comparsa di occhiaie.
Sono molto ansioso, parlando con il mio medico di famiglia la sua diagnosi è di un inizio di depressione e mi ha prescritto del Prozac che io non ho ancora iniziato a prendere in quanto non mi sento depresso.
Per natura sono attivo e positivo e il mio unico stress e solo questo stato di perenne affaticamento.
Prima di tutto cio,soffrivo di una sensazione di nodo alla gola e di ansia e gastrite, ho iniziato a curare il tutto con l'aiuto di un naturopata il quale facendomi seguire una dieta (escludendomi praticamente latte e derivati, pomodori, carne di maiale e altri alimenti) e con un preparato di valeriana e passiflora più volte al giorno.
Non ho più avuto la gastrite (che avevo da anni e che spariva solo con la somministrazione di Pantorc) l'ansia si è alleviata.
Ho avuto però anche un calo di peso da 88 a 81 kg da quando ho cambiato dieta e cioè da 30 giorni.
La mia domanda è : lo stato che mi affligge adesso è dato solo da una debolezza per la dieta e da qualche cosa di più grave?
Grazie mille , ho 28 anni.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
In Aprile, lei aveva un nodo alla gola, ansia e gastrite, gastrite che è passata con la dieta e fitoterapici, ma rimane l’ansia, attenuata.
In Agosto, ha cominciato a presentare “sensazione e quella di avere la febbre , stato di perenne affaticamento.” .Le due sintomatologie sono collegate, la seconda è un aggravamento della prima. Infatti quale era il motivo delle manifestazioni sintomatiche presentate ad Aprile?; i sintomi sono migliorati, ma è rimasta la causa che aveva iniziato le manifestazioni, che ha provocato quelle successive.
Non riferisce esami eseguiti,per accertarne le cause, forse è stato liquidato il tutto con un semplice stress, con successiva prescrizione di Prozac, ma lei, intelligentemente, ha rilevato che “in quanto non mi sento depresso.”.
I sintomi da lei descritti, indicano una sindrome da stanchezza cronica, che è provocata dal virus di Epstein-Barr, il quale ha anche la capacità di innescare le tiroiditi, “sensazione di nodo alla gola, ansia”; la gastrite è una reazione alla infiammazione persistente, creata dalla presenza del virus. La dieta ha migliorato le manifestazioni, ma non ha portato via il virus, che ha continuato ad agire e provocare aggravamenti.
Pertanto vanno eseguiti accertamenti più approfonditi, e portato via il virus.
Saluti alerto3691@alice.it
[#2] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2006
Grazie mille per la risposta,gli esami che ho fatto e di cui ho ritirato il referto oggi sono: emocromo completo, s-ast, s-alt,s-gamma gt,s-creatitnina,s-sodio,s-potassio,s-proteina c reattiva,s-tsh (icma).
Sono risultti tutti a posto,ho ancora una domanda , per il virus di Epstein-Barr gli esami fatti sono sufficienti oppure devo farne uno specifico,grazie infinite per la disponibilità!
[#3] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Gli esami eseguiti, dicono molto poco, dovrebbe riferire soprattutto l’emocromo, con i valori di riferimento.
Per il virus di Epstein-Barr, vanno fatti esami più specifici, ma l’indagine va estesa anche alle ghiandole, soprattutto alla tiroide, agli anticorpi, allo stato del sistema immunitario.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2006
i valori sono questi:
Globuli bianchi 6,33
Globuli rossi 5,39
Emoglobina 15,30
Ematocrito 44,90
McV 83,30
MCH 28,40
MCHC 34,10
Piastrine 179

Neutrofili 54,50
Linfociti 36,20
Monociti 7,10
Eosinofili 2,20
Basofili 0,00



grazie
[#5] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Neutrofili leggermente aumentati, linfociti, leggermente diminuiti, monociti leggermente aumentati, è presente una infezione virale.
saluti
[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
non entrando nel merito della parte internistica, ci tengo a fare una precisazione in merito al PROZAC.
Un "inizio di depressione" è un'ipotesi possibile, ma come tante altre. Il medico probabilmente avrà pensato che le potesse servire per l'ansia, poiché quasi tutti i farmaci etichettati come antidepressivi sono farmaci anti-ansia, diversi dagli ansiolitici e adatti per una cura duratura nel tempo.
Al di là di questo, però, la diagnosi di depressione "mascherata" da sintomi fisici o sintomi aspecifici, come il malessere generalizzato e la debolezza dovrebbe essere fatta con cautela, e le cause più probabili le andrebbero elencate ed escluse con gli esami più semplici a disposizione. Chiarito questo, può anche riconsiderare il PROZAC.