Utente 179XXX
Gentili dottori

Sono uno studente di 24 anni, da circa 3-4 anni ho l'impressione di soffrire di stanchezza che dura per gran parte della giornata. Potrei descrivere la situazione in questo modo: sonnolenza (generalmente durante tutta la giornata, non dipende da quanto ho dormito), stanchezza fisica (ad esempio dopo un esame anche non troppo lungo o giornate non impegnative mi sento esausto), condizione come di torpore mentale, nei momenti in cui la stanchezza è maggiore generalmente ho un dolore muscolare al petto (non particolarmente forte ma fastidioso, controllato elettrocardiogramma risulta ok), difficoltà di concentrazione, a volte faccio fatica ad addormentarmi, mal di testa leggero abbastanza frequente (2,3 giorni alla settimana).
Lo scorso anno, consigliato da conoscenti ho effettuato un test per le intolleranze alimentari (PRIME Test), dal quale sono risultati alcuni alimenti positivi.
Ho seguito una dieta con rimozione di questi alimenti per sei mesi. I sintomi non sembravano essere scomparsi.Recentemente ho avuto una polmonite e ho sospeso la dieta.
Finora ho sempre sottovalutato il problema, attribuendolo magari a stanchezza dovuta allo stress o a particolari condizioni di tensione, ma ho notato che anche in condizioni di riposo questa stanchezza rimane, e ho l'impressione che mi limiti nelle attività svolte.

Volevo chiedere un consiglio sulla situazione, quali sono le analisi che posso effettuare per trovare la causa di tutto questo e suggermenti sulle eventuali cure consigliate

Ringrazio per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Caro amico, dalla descrizione sintomatologica potrebbe trattarsi dell'esordio di una sindrome da stanchezza cronica (CFS), di una sindrome depressiva mascherata, di un'intossicazione da metalli pesanti, o della presenza di una candidosi insediata a livello encefalico (sostanza reticolare).
Per porre una diagnosi differenziale sarebbero opportuni i seguenti accertamenti:
* Emocromo con formula + * Elettroforesi sieroproteica
* Ricerca anticorpale per EBV, CMV, ADV, + TOXO TEST
* Monitoraggio delle catecolmine urinarie delle 24 ore
* Test Bioscreening per la rilevazione di eventuali metalli pesanti
* Ricerca della candida nelle feci.
Non appena avrà i referti sarà possibile finalizzare diagnosi e trattamento.
A presto.