Utente 148XXX
Salve, la ringrazio in anticipo per lo spazio che possiamo utilizzare.
sono un ragazzo di 24 anni, alto 1,90, peso 82 kg attuali.
Ho sempre fatto attività sportiva in particolare pallacanestro fino ad un anno fa quando ho smesso perchè avvertivo dolori retrosternali e dolori nella parte superiore dei pettorali.
Allora pesavo 90kg ma non ero grosso, avevo un fisico atletico.
Premetto che sono una persona un pò ansiosa e so che l'ansia può essere considerata forse la peggiore malattia.
A parte questo, i dolori cominciarono quando usai per la prima volta un elettrostimolatore di quelli per il potenziamento, dopo 4/5 sedute smisi.
Cominciai a fare un pò di analisi, esattamente le solite per il sangue e le urine ed erano a posto; subito dopo una gastroscopia per verificare se i dolori retrosternali erano causati dallo stomaco, ed hanno scoperto che avevo la valvola cardias incontinente, quindi mi provocano dei reflussi acidi (ma so la differenza tra i dolori dei reflussi acidi e quelli inspiegabili retrosternali).
Non contento feci un semplice ecg ed anche li tutto a posto, c'erano variazioni aspecifiche da riposo ma tutto nella norma.
Mi feci convinto che forse era tutto frutto della mia fantasia ma, a distanza di un anno continuo ad avvertire questi maledetti dolori o sensazioni, non solo, quando la notte dormo, proprio mentre mi stò addormentando, sento salire il cuore in gola, una bruttissima sensazione che mi fa sbalzare dal letto, mi fa agitare dandomi una strana sensazione di non poter più respirare.
Da qualche mese la cosa che mi preoccupa di più e il fatto che il mio cuore pulsa forte (non veloce ma intendo forte di intensità), talmente forte che quando stò fermo a letto si muovono, a parte il petto, anche tutti gli arti del corpo alle pulsazioni del cuore. Da cosa può dipendere?
La cosa che mi dà più fastidio è che non fumo, non bevo alcoolici (neanche caffè), non mi drogo, non mangio molto e cerco di seguire una giusta alimentazione.
Qualche hanno fa mi hanno trovato un nodulo benigno alla tiroide che da 1 cm è ingrossato a 2.
Questo può aver scatenato dei problemi?

Le mie domande ora sono:
Quali relazioni possono esserci tra un disturbo della tiroide ed il cuore?
Le pulsazione così forti possono dipendere dalla pressione (nel mio caso normale)?
Quali controlli posso fare?

ora peso 82 kg,anche se sono dimagrito ho un pò di pancetta, ho riprovato a giocare ancora ma quando lo faccio il battito aumenta vistosamente provocandomi subito fatica, avverto leggeri dolori al petto, e a volte ho anche giramenti di testa.

Ho tanta voglia di guarire e mi viene quasi da piangere a pensare che alla mia età già ho questi problemi.
Spero in una sua risposta, ringraziandola vivamente.
[#2] dopo  
Dr. Marco Marilungo
24% attività +24
0% attualità +0
8% socialità +8
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
Ciao ragazzo di Avellino.
Inizi la tua lettera con un messaggio molto chiaro e che già contiene molte delle risposte che ti aspetti.
Difatti scrivi: "Premetto che sono una persona un pò ansiosa e so che l'ansia può essere considerata forse la peggiore malattia".
Da parte mia non penso che l'utilizzo di un elettrostimolatore possa dare i disturbi che lamenti. Penso, invece, cha abbia portato alla luce altri problemi. Un utilizzo errato di un apparecchio per tonificare i muscoli può accentuare anomalie osteo-articolari già presenti, sovente causate da rigidità posturale che a volte rappresenta il sintomo di un disagio interno.
Scrivi ancora: "Mi feci convinto che forse era tutto frutto della mia fantasia ma, a distanza di un anno continuo ad avvertire questi maledetti dolori o sensazioni, non solo, quando la notte dormo, proprio mentre mi stò addormentando, sento salire il cuore in gola, una bruttissima sensazione che mi fa sbalzare dal letto, mi fa agitare dandomi una strana sensazione di non poter più respirare".
Riporto le tue parole per cercare di delucidare quanto vuoi dire e per tentare di esserti di aiuto. Stai, forse, parlando di attacchi di panico? Stai, forse, parlando della paura di avere un accidente cardiaco?
Sai, può capitare che ci si prepari ad avvertire i sintomi, può capitare che si stia attenti al loro arrivo. Si sta lì, pronti ad avvertire un benchè minimo cambiamento del funzionamento del nostro cuore. Ci si prepara al punto che l'ansia dell'attesa (ansia anticipatoria) diventa la fonte dei disturbi che non vorremmo avere. Siamo talmente preoccupati di quanto possa accadere che il nostro metabolismo produce in maniera eccessiva alcune sostanze, adrenalina e corticosteroidi in particolar modo, che contribuiscono a far avvenire ciò di cui abbiamo paura. Sì, lo so, sembra un discorso un po' astruso, eppure è così. Mi dici anche di un nodulo tiroideo, ma non mi parli di eventuali alterazioni del metabolismo tiroideo. Hai un nodulo, ma gli ormoni della tiroide come stanno?
Quindi le risposte alle tue domande sono:
1) Sì, c'è un legame stretto tra il funzionamento della tiroide ed il funzionamento del cuore. Ma sempre legati ai valori di TSH, FT3, FT4 ed ai controlli sugli anticorpi antinucleo. Sono stati verificati?
2) Sì, i battiti "forti" possono essere dovuti ad una pressione alta, non mi sembra che sia il tuo caso.
3) Per stare più tranquillo sarebbe opportuno eseguire un ecocardiogramma colorDoppler e, se il Collega Cardiologo lo ritenesse necessario, un ECG da sforzo.
Tieni presente che il reflusso acido dallo stomaco verso l'esofago (mi parli di una incontineza del cardias), può essere responsabile dei disturbi che descrivi. Ma spesso i disturbi gastrici sono somatizzazioni, dell'ansia...
Sottoponiti pure a questi controlli, e sono certo che andranno bene. Poi cosa conti di fare? Tenerti l'ansia?

Tienimi aggiornato
Un saluto
Marco Marilungo
[#3] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2003
Salve dottor Marilungo,
la ringrazio per la cortese risposta e mi scuso se non le ho dato il mio
nome:Andrea.

Ho fatto le analisi che mi ha chiesto di fare per la tiroide e
grazie a Dio sono tutte nella norma tranne per MCV (vol.corp.medio) che
risulta 81,80 fL invece di rientrare tra 82-98.
Le riporto in seguito i valori principali:

glicemia 78 mg/dl (75-110)
got/ast 28 U/L (15-46)
gpt/alt 38 U/L (11-66)
gammaGT 28 U/L
tsh 2,44 ulU/mL (0,35-5,50)
ft3 3,92 pg/mL (2,30-4,20)
frt4 1,33 ng/dL (0,75-1,80)

se ha bisogno di valori ematologi tipo leucociti,linfociti ecc. posso
riportali.
Per quanto riguarda la visita cardiologica purtroppo devo aspettare il 15
settembre,
ho prenotato una visita di medicina sportiva compresa di ecg,ecg da
sforzo(test
dei 2 gradini se non sbaglio)e visita specialistica.
Lei ha perfettamente ragione e mi conforta quando dice che quando siamo
ansiosi aspettiamo giusto il momento in cui sentire quei dolori provocati
dalla
nostra testa.Ci sto provando da un po a combattere questo panico ma mi creda
non
è così semplice.
Resta il fatto che ho bisogno di sapere perchè il mio cuore pulsa così
forte(non veloce)d'intensita da fermo,figuriamoci da sforzo.
Cosa posso fare nel frattempo Dottore per "calmare" l'intensità delle
pulsazioni,
prima della visita cardiologica? è normale che ogni arto si muova "a ritmo"
del cuore
quando sono fermo? per la cronaca ho perso altri 2 kili senza volerlo
nell'ultima settimana.
Spero in una sua risposta,aggiornandola in futuro dopo la visita
cardiologica.
Mille grazie di cuore ancora.
Andrea