Utente 203XXX
Egregi Dottori, mi chiamo Lucio ed ho 33 anni, vorrei esporVi il mio problema: da qualche mese ho notato inizialmente una strana secchezza del glande ed a volte vedo alcune zone di un colore + chiaro del normale ed anche qualche puntino rosso. Non ho pruriti o dolore surante la minzione, ma ad un certo punto la pelle è diventata opaca ed il giorno dopo è venuta via tutta, in modo totalmente indolore.Qualche settimana dopo si è ripetuto il tutto, opacizzazione delle pelle e poi via tutta.
Il medico di famiglia mi ha consigliato di provare ad mettere un po di vaselina per ammorbirire la pelle. Infatti con la vaselina la situazione migliora, ma appena interrompo ritorna la secchezza ed i puntini rossi.
Sono stato da un dermatologo che ha riscontrato una balanite. Mi ha prescritto CANESTEN 2 volte al giorno x 7 gg e lavaggi con prodotti neutri
- Non ho fatto nessuna analisi particolare
- Non soffro di diabete
- Ho la celiachia
- La mia vita sessuale è molto contenuta, ma a gennaio durante una vacanza ho avuto un rapporto sessuale protetto, solo che proprio sul finale, durante l’eiaculazione si è rotto il preservativo, posso aver contratto qualcosa in quel momento ?

Dalla cura col CANESTEN sono passate alcune settimane ma nn noto miglioramenti, la parte attorno al frenulo (si chiama così?) è arrossato, ma il "disturbo" principale è che il glande è particolarmente secco...

Cosa può provocare tale secchezza? Altro fatto strano anche le labbra della bocca sono molto secche !

Quali altre analisi potrei fare ?
La ringrazio anticipatamente e porgo i migliori saluti.
Lucio

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
molti son i fattori che conducono alla secchezza mucosale del glande: dalla descrizone che fa del suo caso, è verosimile immaginare una situazione post-infiammatorio di qualsiasi genere (anche di tipo infettivo) che possa esitare come ultima fase di un processo eczematoso una secchezza della parte.
Le consiglierei di determinarsi con un dermatologo se il sintomo persiste.
Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereolgo, ROMA