Utente 116XXX
Egregio dottore circa 4 mesi fa ho iniziato ad avere dei dolori abbastanza forti al pene quando avevo un rapporto sessuale.Un po spaventato mi rivolto ad un specialista urologo con molta esperienza, mi è stato diagnosticata un inizio di Induratio Penis con 2 piccole placche.Sono stato tranquillizato dicendomi che il problema si sarebbe risolto in qualche mese.Come terapia abbiamo iniziato con 4 infiltrazioni locali, una alla settimana, e contemporaneamente ho assunto una capsula di sursum 400 e una compressa di Peironimev al giorno per due mesi. Le cose sembrano un po migliorate anche se un po di dolore rimane. Dopo l'ultimo controllo circa 10 giorni fa, l'urologo mi ha confermato un miglioramento con scioglimento delle placche e un residuo granuloso rimanente, mi ha detto di sospendere la cura per una settimana e poi inziare una cura di due mesi con un integratore chiamato Fertylor che secondo lui grazie anche a ultimi studi a livello internazionale sembra dia ottimi risultati nella cura dell'Induratio Penis. Detto cio' volevo avere un suo parere
o un riscontro a cio'che mi è stato detto e prescritto.
Io abito nella provincia di Verona, la ringrazio molto anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a naso credo che non sin trattase di Induratio Penis ,bensì di un microtrauma.L'Induratio difficilmente si risolve in poche settimane.Comunque é importante che il problema sia in via di risoluzione e,a tal proposito,la terapia prescritta può considerarsi idonea.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego D'Agostino
24% attività
0% attualità
12% socialità
TREVISO (TV)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Caro lettore,
concordo con il dr.Izzo;la I.P.P.e' una patologia ad etiologia ignota e difficilmente si risolve con terapia medica.Comunque le terapie indicate sono corrette;farei un'ecografia per monitorizzare nel tempo i diametri della placca e vedere se e' calcifica o meno.Come ulteriori terapie ci sono la ionoforesi,con vari farmaci,meno traumatica dell'iniezione locale che Lei ha subito e le onde d'urto.