Utente 204XXX
Buongiorno a tutti voi, vi racconto il mio breve escursus sperando di non tralasciare nulla di importante. Da luglio 2005 (quindi da poco più di un anno fa) io e mio marito (entrambi di 36 anni) abbiamo dei rapporti non protetti per la ricerca di una gravidanza. Io sono stata operata in laparoscopia a febbraio del 2006 per rimuovere una cisti endometriosica di circa 11 cm che interessava entrambe le ovaie e quindi causava infertilità, e nell'occasione il dottore che mi ha operata ha anche dato un'occhiata alle mie tube e mi ha detto che erano a posto, nel senso che erano "libere". Ho rieseguito un paio di settimane fa una ecografia transvaginale e non è stata riscontrata alcuna "anomalia". Mio marito ha eseguito la settimana scorsa un'analisi dello sperma presso un laboratorio privato non so quanto specializzato, e questi sono i risultati :


volume 4.7 ml
viscosità normale
n° nemaspermi 110.000 mmc

VALUTAZIONE DELLA VITALITA'
dopo 1 ora 60 %
dopo 2 ore 55 %
dopo 4 ore 45 %
dopo 6 ore 40 %

FORMULA NEPASPERMICA
forme normali 60 %
forme appuntite 30 %
forme arrotondate 3 %
forme doppie 4 %
forme iper-iportofiche 1 %
forme amorfe 2 %

osservazioni movimenti postero-anteriori particolarmente rapidi. reazione alcalina, alcuni leucociti , HB presente +

Ogni vostro commento, osservazione e quant'altro è immensamente gradito.


ciao ciao Sonia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
purtroppo l'esame che suo marito ha effettuato è incompleto e non sembra essere eseguito secondo i
criteri oramai codificati del W.H.O.
Ad esempio viene riportata una valutazione della "Vitalità"
che sembrerebbe invece essere una valutazione della "Motilità".
(Per vitalità si intende la presenza di spermatozoi
vivi e si studia utilizzando dei coloranti sopravitali, mentre per
motilità si intende la presenza di spermatozi mobili).
Quindi senza entrare troppo nei particolari il mio
consiglio è quello di consultare un andrologo che certamente farà
eseguire a suo marito un corretto esame seminologico
per una valutazione precisa della sua fertiltià.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Cara Sonia,
concordo pienamente con il Collega Giambersio sull'inattendibilità dell'esame seminale.
Lo spermiogramma è un esame ancora oggi eseguito da un essere umano (Biologo/a)e non da una macchina per cui deve assolutamente essere fatto da personale qualificato.
Rivolgetevi ad un Andrologo competente e seguitene i consigli soprattutto su dove eseguire l'esame seminale.

Fateci sapere

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice 20461,


al di là di considerazioni semantiche o letterali mi sembra che il liquido seminale di suo marito sia adeguatamente "normale" e possa consentire una fecondazione di una donna che sta sufficientemente bene da un punto di vista ginecologico.
Purtroppo la sua storia di endometriosi con interessamento tubarico è piuttosto importante.
Non basta dire che ad una "occhiata operatoria" le tube sembravano libere. La pervietà tubarica va verificata concretamente così come la funzionalità ovarica sicuramente alterata dalla endometriosi.
Faccia ripetere il liquido seminale di suo merito in un laboratorio ( a Roma ne esistono molti) e si consulti con un ginecologo esperto di fertilità ( a Roma ne esistono molti)
Cari saluti
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'esame del liquido seminale di Suo marito è buono, ottimo direi...fin troppo. Non direi che possa ritenersi affidabile sino a prova contraria. Occorre quindi ripeterlo, naturalmente presso Centri altamente qualificati. La patologia di cui Lei è stata afeftta e per cui è stata sottoposta a trattamento chirurgico merita altrettanta attenzione, sempre professionalmente qualificata.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO