Utente 118XXX
buonasera, sono una signora di 48 anni(in menopausa già da 7 anni)e un anno e mezzo fa ho fatto il trapianto allogenico midollare e sta andando abbastanza bene.Però circa un anno fa, durante una delle mie passeggiate quotidiane ho incominciato ad avere dispnea e tachicardia, visto che il problema peggiorava mi sono rivolta al cardiologo che mi ha dato EVENT RECORDER per diverso tempo:tratti di tachicardia con fc fino a 200bpm/min. ecocardiogramma : iniziale aortosclerosi in valvola tricuspide con focali calcificazioni.Nei limiti bulbo,ascendente ed arco.Ventricolo sx di spessori broder, nei limiti dimensionali, con dissinergia settale da BBSX(riscontrata circa 2 anni fa), con FE conservata. Atri e sezioni dx nei limiti. Minimo rigurgito mitralico e tricuspidalico. Non ipertensione polmonare. Non versamento pericardico.
Incominciato a prendere ATENOLOLO che mi ha peggiorato, cambiato con VERAPAMIL ma non faceva nessun effetto.Intanto la tachicardia veniva sempre più spesso anche per minimi sforzi.Mi ricoverano e mi mettono ecg hlter a riposo: Si osservano episodi di tachicardia sinusale diurni e 2 episodi di TAS con possibile aspetto di flutter2:1. Rari BEV isolati.
Esami tirodei TSH e F4 nella norma
ecotiroide: 2 formazioni nodulari ipoecogeni calcifiche di 15 e 11 mm
Incomincio terapia con SEQUACOR 1.25, per alcuni giorni sembra che vada meglio ma poi ricomincia la tachicardia.
Premetto che ho sempre la pressione massima bassa( iniziata con tachicardia) che va da 96/60 a 105 /75 provo ad aumentare la terapia e sto molto male, pressione 90/75 125 battiti a camminare in casa.
Eseguita spirometria:lieve deficit ostruttivo
emocromo : emoglobina 10.8 il resto nella norma per una trapiantata.
Durante un ulteriore ecocardio(della quale non ho documentazione perchè eseguita tramite day hospita ematologia) si è accorta che mi viene tachicardia al minimo sforzo, anche solo parlando e respirando a fondo.
Eseguita prova da sforzo interotta dopo soli 2 minuti e mezzo per dispnea e battiti a 160: Importante risposta cronotropa a basso carico. Sottoslivellamento di ST in D3 ed VF (BBsx)
Non Sanno capire cosa provoca questa forte tachicardia.
Non sono una persona ansiosa e se mi capita di esserlo per qualche motivo non mi accorgo ci sia tachicardia.
Ora sono arrivata a non riuscire più a fare nulla,solo a lavarmi 100/86 125bpm
Non sento proprio tachicardia ma comincio a vedere tutto annebbiato, mi gira la testa, sudo, ho dispnea, confusione alla testa e mancanza di forza. Sono sempre molto stanca. Ultimamente,mi capita durante un malessere di sentire male nella parte tra collo e seno e sulla spalla sinistra, che mi passa a riposo.
Per favore aiutatemi, datemi qualche suggerimento Vi ringrazio
P.S.( é il caso che mi sforzi anche se sto male ?)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in base a quanto da lei riportato, la sua tachicardia sembrerebbe avere origine da disturbi di natura neurologica che da una patologia organica, le consiglierei di rivolgersi ad un collega per una eventuale terapia bradicardizzante che le determini il minimo degli effetti collaterali. Da circa un anno è in commercio un nuovo farmaco, la ivrabadina, che potrebbe fare al suo caso. Ne parli al collega.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio della sua tempestiva risposta,parlerò con il cardiologo e la terrò informata buon lavoro
[#3] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
vorrei sapere se secondo lei questo può essere una coseguenza del trapianto e se con il tempo si sistema