Utente 536XXX
Cari Dottori, vi scrivo per chiedere un Vs cortese parere. Sono una donna di 40 anni e da circa un anno soffro di una lieve diplopia visiva. Dopo una serie di accertamenti (visita oculistica, fluoroangiografia, campo visivo computerizzato, RMN cerebrale,visita neurologica ecc..), mi è stato detto che molto probabilmente i miei problemi di cefalea tensiva cronica e problemi agli occhi, dipendono dai vasi sanguigni "troppo efficienti". E' al quanto difficile spiegare la situazione. Premetto che ogni volta che ho misurato la pressione, è sempre risultata 80 - 120. Pressione oculare 16 OD - 16 OS. Sono, ahimè, una persona abbastanza ansiosa e che difficilmente riesce ad esternare le sensazioni di rabbia e stress (mi rodo dentro!!). La mia domanda è: è consigliabile che io approfondisca la situazione dal punto di vista cardiologico, onde evitare improvvisi disturbi quali infarto o altro di simile? Se sì che esami potreste consigliarmi di fare? Potrebbe "l'ansia" portare problemi cardiaci seri, nel tempo?
Spero possiate aiutarmi a capire come devo comportarmi, perchè non sò più che direzione prendere..
Vi ringrazio. Cordiali saluti..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, sebbene è difficile che la sua sintomatologia sia da afferire ad uno stato ipertensivo, il miglior controllo pressorio possibile è quello del monitoraggio tramite un Holter pressorio ed in caso di alterazioni significative una successiva visita cardiologica con ecocardiogramma ed ECG. Saluti
[#2] dopo  
Utente 536XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Martino, la ringrazio molto per la sua risposta. Mi permetta di chiederLe se il monitoraggio tramite un Holter pressorio me lo prescrive il medico di base o a chi devo rivolgermi per farlo..Ed inoltre, ritiene che lo stato ansioso possa a lungo termine essere causa di problemi più seri a livello cardiaco? Grazie molte.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
L'indicazione può darla anche un medico di base scrupoloso. Sugli effetti dell'ansia sull'attività cardiaca, in soggetti con fattori di rischio e particolarmente predisposti, può senza dubbio favorire la comparsa a lungo andare di eventuali accidenti cardiovascolari.
Saluti