Utente 870XXX
SAlve ho 28 anni e fin da bambina soffro di cali di pressione che mi portano a svenimenti continui.In passato mi sono stati fatti accertamenti per escludere problemi neurologici ( tipo epilessia cose varie ..) tutto regolare.
La mia pressione e sempre bassa mediamente sotto i 90 max 60 min puo toccare anche max 60 min 40 , sono anche talassemica ma minore( volgarmente anemia mediterranea).
L' ultimo episodio e di pochi giorni fa, mi sono un po stancata di essere soccorso e passare giornate intere al pronto soccorso ( dove mi sottopongoni a 3 flebo di zucchero , spesso anche di potassio e poi mi mandano a casa).
Molte persone mi hanno poi fatto notare che potrebbe essere pericoloso se il malessere mi capitasse mentre sono alla guida ( solitamente me ne accorgo pero!1)
tutte le volte che mi reco al pronto soccorso vengono effettuati esami sangue ( dove provano emoglobina bassa e qlc carenza di potassio) elettrocardigramma regolare e lastra addome regolare.
IL mio medico di base mi ha dato integratori e un medicinale per alzare la pressione , ma niente mi sembra sembre di essere ubriaca e stanca e di stare per svenire mi tengo su con le pinze.
Sono destinata a svenimenti continui? ( se sono fuori casa spesso nonostante chieda di non andare al pronto soccorso, chi mi soccorre non ne vuole sapere mezza!! e chiama l' ambulanza)
Altri accertamenti ??qlc consiglio ???
La prego sono esasperata se fosse per me me ne starei a casa ma devo lavorare e studiare!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Potrebbe essere utile eseguire un ecocardiogramma per escludere patologie organiche a carico del muscoli cardiaco, un Holter cardiaco (per escludere cause aritmiche) ed eventualmente di un vecchio esame, tuttavia ancora molto utile nei casi come il suo, chiamato "Tilt test" che serve a valutare la causa neurovegetativa del suo disturbo. Eseguiti questi esami, si puo' ragionevolmente escludere la causa cardiaca del suo disturbo.
A disposizione per ulteriori consulti