Utente 123XXX
buon giorno,scrivo per chiederVi un consulto per mia sorella che ha 40 anni 3 figli allattati regolarmente per diversi mesi.il 17 luglio 2009 ha effettuato la sua prima mammografia (aveva fatto 1 mese prima l'ecografia al seno ed era negativa)e nel referto è stato scritto: l'esame mammografico mostra seni disomogeneamente densi con presenza, al Q.S.E.di dx di piccola area di distorsione parenchimale, senza un corrispettivo eografico,di possibile origine fibrotica,comunque meritevole di approfondimento diagnostico con mammotome.
Ora il medico gli ha proposto 2 strade:
-ripetere la mammografia fra 6 mesi;
-effettuare l'approfondimento con mammotome.
Secondo Voi cosa è meglio fare perchè aspettare 6 mesi e poi magari c'è qualcosa di brutto,forse non è il caso, ma anche fare l'accertamento con mammotome lei ha paura perchè dice che è un esame troppo invasivo.
Volevo aggiungere che in famiglia non ci sono stati casi di tumore al seno ,ma alle ovaie(nostra madre è morta a 59 anni per questo).
Grazie in anticipo di quello che potete fare.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non aspetterei sei mesi, ma procederei all'esame bioptico
con mammotome subito.

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=43463

soprattutto in relazione (e indagherei su tutti i familiari sino alle cugine di 1° grado) del precedente anamnestico della mamma (ovaio)

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=50919