Utente 973XXX
gentili dr. vi scrivo per richiedere un consulto per mio papà.
mio padre è stato operato il 22/7/2008 per neoformazione cefalopancreatica e sottoposto a duodenocefalopacreasetomia piloro preserving e colecistectomia e allargamento della trancia pancreatica (positiva per infiltrazione adenocarcinomatosa) con totalizazzione mediante splenopancreasectomia sx.
la diadnosi dell'istologico è la seguente: adenocarcinoma duttale con aspetti di differenziazione variabile e con focolai di differenziasione squamosa.presenti associate modificazioni displastiche di grado severo
carcinomatoso dell'epitelio duttale. presente infiltrazione della
parete duodenale. presente ifiltrazione della via biliare presente
infiltrazione della via biliare. presente infiltrazione del tessuto
adiposo peripancreatico. ghiandole adenocarcinomatose sono presenti nel
tessuto adiposo retroperitoneale associate a fenomeni di infiltrazione
per-endoneurale ed embolizzazione vascolare , tali ghiandole non sono
tuttavia presenti sul margine di resezione colorato con inchiostro di
china. margine di resezione intestinale esente da infiltrazione
neoplastica. metastasi di adenocarcinoma in cinque dei diciassette
linfonodi peripancreatici. ha effettuato da settembre 2008 una
chemioterapia adiuvante e ha fatto 4 cicli di gemcetabina fino a
gennaio 2009. poi ha effettuato una nuova tac addome con il seguente
referto : in corrispondenza della IV segmento epatico formazione
nodulare del diametro di 1 cm con caratterstiche compatibili con
lesioni di natura secondaria. numerose formazioni linfonodali del
diametro non superiore al cm in sede perivascolare aorto-mesenterica.
ha iniziato quimdi a febbraio 2009 nuovo protocollo di chemioterapia
cioè gemcetabina e oxaliplatino.a marzo 2009 ha fatto 10 sedute di
ipertemia. il 12 maggio ha effettuato la tac di controllo ( le invio la
risposta in allegato).il 17 luglio 2009 ha terminato il 12 ciclo di chemioterapia. ora siamo in attesa di effettuare la nuova tac che è prenotata per lunedi 3 agosto.ieri sera papà ha iniziato ad avere dei brividi di freddo e poi nonostante lo abbiamo coperto e riscaldato i tremori persistevano, poi
è salita la temperatura a 38 ,5° . ha iniziato ad avere dolore fisso
alla fianco dx e anche in corrispondenza della scapola dx. durante la
notte ha sudato tanto , la febbre è rimasta a 38° e il dolore è rimasto
abbastanza forte. per cui questa mattina siamo andati in ospedale
presso il centro oncologico dove effettua le terapie.
la dr.ssa che lo ha in cura ha detto che potrebbe essere COLANGITE hanno fatto il prelievo di sangue e la dr.ssa ci ha detto che i valori della bilirubina e del fegato sono leggermente alterati , solo i globuli bianchi sono un pò alti..hanno fatto quindi una flebo di TORADOL per il dolore e poi hanno prescritto una terapia antibiotica da fare a casa. non lo hanno
ricoverato in quanto hanno detto vediamo lu lunedi la risposta della tac.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

direi che il sospetto può essere plausibile. Attendiamo senza dubbio l'esito dell'esame TC per verificare lo stato dell'intero organismo.

Resto a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it