Curare l’eiaculazione precoce con metodi naturali

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 24 novembre 2016

Pur conoscendo la complessità del fenomeno eiaculazione precoce, con le sue componenti organiche e psicogene, mi sono permesso di presentare al IV congresso nazionale ASS.A.I. una relazione riguardante l’uso della griffonia nel trattamento della eiaculazione precoce, allorquando questa sia dovuta ad una carenza di serotonina

 

La serotonina è un neuro modulatore conosciuto anche come ormone del benessere che, oltre ad avere molteplici funzioni, è in grado anche di modulare il riflesso eiaculatorio. La sua “insufficienza” è causa di eiaculazione precoce. Un precursore della serotonina è il 5 idrossitriptofano , il quale è contenuto in abbondanza in una pianta leguminosa dell’Africa centro occidentale: La Griffonia.

 

Da qui il tentativo di fornire alle cellule serotoninergiche del tessuto cerebrale il precursore della serotonina, con un approccio naturopatico (il 5 idrossitriptofano attraversa inoltre indisturbato la barriera ematoencefalica).

 

 

link a un articolo riguardante l'argomento

Atti del congresso in pubblicazione

 

 

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

7 commenti

#1
Dr. Roberto Mallus
Dr. Roberto Mallus

"È ormai concetto codificato che la carenza di serotonina in particolari aree neuro sensitive del cervello è responsabile del fenomeno della eiaculazione precoce". Questo e' quanto tu affermi,permettimi di dissentire da quanto affermato se è vero che la "squeeze tecnica" preconizzata da Seeman e modificata da Masters e Johnson da migliori risultati rispetto all'uso della paroxetina.
Cordialmente

#2
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Ciao Roberto,

ti ringrazio per l'attenzione prestata e per il tuo " dissenso" che non possiamo che non accogliere . Purtroppo è un argomento di non facile gestione, escluse le chiare forme legate a problematiche locali. Il tuo è un riferimento che ha basi scientifiche, ma penso che ci srà ancora tanto da scrivere

Grazie , un caro saluto

#3
Dr. Roberto Mallus
Dr. Roberto Mallus

Ciao Andrea,
sicuramente in accordo sul "ci sarà tanto da scrivere".
Un caro saluto

#5
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Valeria , tu non approfitti , ma mi onori della tua presenza e del tuo commento , sicuramente utile agli utenti

#6
Dr. Giacomo Luigi Del Monte
Dr. Giacomo Luigi Del Monte

Ciao Andrea e Roberto
come voi sapete l'E.P. può avere cause organiche e psicogene.
Le tecniche sono utili nelle diverse disfunzioni ma in alcune situazioni la "radice" della causa può essere molto "profonda" e ciò comporta più approfondimenti nella ricerca della natura del problema.
Questo porta a dirmi che tutto ciò che aiuta un paziente è utile nel percorso.
Sicuramente ci sono situazioni dove la Paroxina ha avuto i suoi effetti così come le diverse tecniche sessuali danno i loro risultati insieme ad un lavoro psichico sul paziente.
Vi ringrazi entrambi perchè il vostro contributo aiuta tutti noi.
A presto

#7
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Giacomo , che sorpresa . Non nascondiamo che lavorando nella stessa città abbiamo talvolta avuto modo di collaborare . E' un vero piacere incontrarti anche su questa mia piccola news. Un caro saluto. Grazie per il contributo

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche eiaculazione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati