Il testosterone rende più "frenetico" il mercato azionario

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 25 ottobre 2017

Questa notizia un pò curiosa emergerebbe da un lavoro, condotto da alcuni ricercatori anglo-americani e pubblicato ora sulla rivista Management Science.

La ricerca, supportata da tre Università: la Western University, l’Oxford University e la Claremont Graduate University, ha interessato 140 giovani operatori di borsa, ai quali, a caso, cioè in modo randomizzato, è stato somministrato un gel contenente del testosterone oppure un prodotto identico, ma con solo del placebo, cioè senza l'ormone in questione, prima di iniziare il loro lavoro caratterizzato, come tutti sappiamo, da trattative di acquisto, di vendita e da vari scambi azionari stressanti e frenetici.

 

          giovanniberetta_Testosterone-from-xtal-3D-vdW

 

I ricercatori, analizzando i dati osservati, hanno così scoperto che il gruppo di azionisti, a cui era stato somministrato del testosterone, era molto più aggressivo ed intraprendente rispetto al gruppo di operatori che non aveva ricevuto l’ormone maschile "per eccellenza"; questi ultimi avevano un atteggiamento più riflessivo, meno aggressivo, e sembrano seguire il più prudente concetto:Compra a poco e vendi a tanto”. 

 

 

Gli operatori di borsa a cui era stato dato il testosterone erano invece più vicini al motto: Compra a tanto e vendi ancora a più, principio questo ispiratore in finanza di molte e pericolose “bolle speculative".

Il suggerimento finale, che sembra emergere da questo studio, è che un testosterone più alto può modificare l’atteggiamento degli operatori di borsa, condizionare le loro decisioni finali, facendo sovrastimare il valore delle azioni da loro trattate.

 

     

 

Ricordiamo che oggi la maggior parte degli agenti di borsa sono giovani di sesso maschile e anche questo studio ci indicherebbe che alcuni fattori biologici, come gli ormoni, possono influenzare pesantemente il comportamento acuto di un uomo e così condizionare in modo significativo eventuali fluttuazioni positive o negative del mercato azionario.

 

Fonte:

https://doi.org/10.1287/mnsc.2017.2836

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/2580-piu-testosterone-meno-bugie.html

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/6830-il-testosterone-migliora-la-vita-sessuale-nella-terza-eta.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

#1
Utente 442XXX
Utente 442XXX

So per sentito dire che lei è un ottimo medico. Speriamo che le università non buttino soldi per dimostrare che gli ormoni influiscano "pesantemente sul comportamento acuto" di un medico in sala operatoria e di un violinista mentre suona. Brutto dimostrare cose scontate

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,
niente è scontato in questo mondo e molte cose non sono ancora ben conosciute ad esempio sull'uso o l'abbuso di alcuni prodotti, come sono gli androgeni e questo in parte lo può intuire dal fatto che ben tre prestigiose Università: la Western University, l’Oxford University e la Claremont Graduate University hanno supportato questa ricerca.
Ancora un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche testosterone 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati