erezione

Globuli rossi e deficit dell’erezione

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 17 marzo 2021

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

L'ampiezza della distribuzione dei globuli rossi (RDW o RCDW dall'inglese red blood cell distribution width) è uno dei parametri dell'esame del sangue, utile nella valutazione delle situazioni di anisocitosi, cioè della presenza di globuli rossi con un diametro diverso dal normale.

Questo parametro è utile per distinguere tipi diversi di anemia ed è uno dei biomarcatori utilizzati per misurare l'invecchiamento vascolare e sospettare alcune malattie cardiovascolari.

I valori RDW dei globuli rossi nei casi di disfunzione erettile

Dato che una patologia capace di alterare le arterie coronarie del cuore e una disfunzione erettile possono entrambe essere causate da cause fisiopatologiche simili, un gruppo di ricercatori turchi della Dipartimento di Urologia dell’Università Erzincan Binali Yildirim del İznik State Hospital ha confrontato i valori RDW di uomini a cui era stata diagnosticata un deficit erettivo con maschi volontari che questo problema non presentavano.

I dati sono stati ora pubblicati sulla “Revista Internacional de Andrologia”.

Cosa dicono i dati?

Lo studio ha coinvolto complessivamente 192 uomini divisi in due gruppi utilizzando l’Indice Internazionale delle Funzioni Erettili (IIEF-5): 148 avevano problemi erettivi e 44 uomini erano senza problemi e sono stati usati come gruppo di controllo.

Non vi era alcuna differenza statisticamente significativa tra i due gruppi in termini di età, stato di fumo, presenza di ipertensione, trigliceridi, lipoproteine a bassa densità, lipoproteina ad alta densità, colesterolo totale, antigene specifico della prostata totale e i valori di ematocrito mentre l'indice di massa corporea, la glicemia a digiuno, il rapporto neutrofili-linfociti e il rapporto piastrine-linfociti erano significativamente più alti nel gruppo con disturbi dell’erezione.

In particolare i valori medi RDW erano 13,7±1,1 nel gruppo con problemi all’erezione e 13±0,5 nel gruppo di controllo (p<.001).

Sulla base della forte relazione tra RDW alterati e deficit dell’erezione i ricercatori ritengono che la valutazione dell'RDW possa essere un nuovo indice che deve essere misurato quando si vuole fare una precisa diagnosi in presenza di un disturbo dell’erezione.

 

Fonte:

Altre informazioni:

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche erezione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati