Vaccino per Meningite in Piemonte

Dr. Diego CasettaData pubblicazione: 10 gennaio 2017Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2017

COMUNICATO STAMPA Regione Piemonte

Torino, 9 gennaio 2017

 

MENINGITE BATTERICA, LA REGIONE PIEMONTE

NON MODIFICA L’OFFERTA VACCINALE

 

La Regione Piemonte non ritiene necessario modificare l’attuale offerta vaccinale contro le meningiti batteriche: i casi di meningite meningocococcica che si verificano nella nostra regione sono del tutto rari e in diminuzione.

L’attuale calendario prevede in offerta attiva e gratuita la vaccinazione contro la meningite da Haemophilus influenzae b e pneumococco sotto l’anno di età (3°-5°-11° mese), la vaccinazione contro la meningite di tipo C a 13-15 mesi e ai ragazzi di 15-16 anni.

A questi vaccini si aggiunge per i nati dal 1° gennaio 2017 - seguendo le indicazioni del nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019- la vaccinazione contro il meningococco B offerta attivamente e gratuitamente (sono 4 dosi somministrate a partire dai 2 mesi di vita), mentre il vaccino contro il meningococco C per gli adolescenti (a 15-16 anni) verrà sostituito da un vaccino tetravalente che protegge contro la meningite di tipo ACWY.

In Piemonte, a partire dal 2008, l’andamento dei casi di malattia invasiva da meningococco mostra una riduzione significativa, pari in media a 1 caso in meno ogni anno su tutta la popolazione piemontese.

Nel 2016[1], l’incidenza è di 15 casi (5 sepsi e 10 meningiti), pari a 3 casi per 1.000.000 abitanti. Il dato registrato nel 2016 non altera il trend decrescente registrato dal 2008.

Il valore massimo di incidenza si riscontra nel 2009 (6 casi per 1.000.000 abitanti), anno che precede l’introduzione della vaccinazione antimeningococco C in regione.

La letalità per malattia invasiva da meningococco è in media inferiore a 2 decessi per anno.

 

Il sierogruppo B è quello prevalente, riguarda circa il 60% dei casi, seguito dal sierogruppo C. In particolare, una sua maggior frequenza (70%) caratterizza la fascia di età pediatrica (0 – 14 anni), dato sovrapponibile a quello europeo.

Naturalmente continua a essere garantita la vaccinazione di tutti i soggetti a elevato rischio per patologia, mentre verrà regolata con prenotazione la vaccinazione a prezzo di costo a chi ne facesse richiesta in tutti gli altri casi.

L’Assessorato regionale alla Sanità ricorda che, allo stato attuale, non sono giustificati situazioni di allarmismo che rischiano solo di creare problemi agli operatori dei servizi vaccinali delle Asl.

 

[1] Fonte dati: SeReMi, servizio di riferimento regionale di Epidemiologia per la sorveglianza, il controllo e la prevenzione delle malattie infettive.

 

Autore

diegocasetta
Dr. Diego Casetta Medico di medicina generale, Pediatra, Medico trasfusionale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2005 presso Università degli Sudi di Torino.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Cuneo tesserino n° 4019.

1 commenti

#1
Dr. Diego Casetta
Dr. Diego Casetta

Raccomando a tutti i genitori piemontesi di aderire alle campagne vaccinali per i propri figli promosse dalle ASL di appartenenza, cercando di rispettare il calendario vaccinale proposto, allargando la copertura vaccinale al meningococco C ai soggetti di età pediatrica (in occasione della seduta vaccinale dei12 mesi) e agli adolescenti (al richiamo dei 15-16 anni)
Consiglio la vaccinazione contro il Meningococco B alle categorie a rischio e soprattutto agli adulti che svolgono attività a stretto contatto con il pubblico e ai soggetti di qualsiasi età che vivono o comunque si recano frequentemente in Toscana (sapendo che in Piemonte è a pagamento)

I cittadini Piemontesi che comunque, nonostante il basso rischio, intendono vaccinarsi contro il Meningococco B e C possono rivolgersi all’ambulatorio vaccinale competente per territorio senza l'impegnativa del curante.

Credo che un commento a parte meriti il nord della Toscana, dove sta circolando una variante del meningococco (ossia il clone ipervirulento ST-11) . Va precisato che il clone ST-11 sta circolando solo nel nord della Toscana, ed è per questo motivo che in quella Regione si sta conducendo una campagna di vaccinazione allargata a tutta la popolazione.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche meningite 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Medicina generale?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati