VACCINI: tra fantasie e realtà

Dr. Gaetano PintoData pubblicazione: 11 novembre 2017

vaccinazione

Negli ultimi anni sono sorte alcune correnti di pensiero che hanno creato allarme ingiustificato sulle vaccinazioni ai bambini.

 

Prenderemo in considerazione i punti più importanti:

  1. Poichè i vaccini non presentano una efficacia del 100%,in quanto esistono soggetti non responders, bisogna vaccinare per creare la cosiddetta" immunità di gregge" ed evitare così la trasmissione di malattie infettive a coloro che non hanno risposto alla vaccinazione.
  2. I vaccini non determinano l'autismo,infatti dai molteplici studi non è emerso alcun nesso di causalità.
  3. I vaccini non contengono sostanze pericolose:contengono soluzione fisiologica o acqua distillata,sali di alluminio che potenziano la risposta immunitaria,piccole quantità di gelatina e albumina e minime dosi di antibiotici per evitare l'attacco dei batteri. Il tanto temuto mercurio non è presente nei vaccini,completamente eliminato già dal 2002.
  4. Non è vero che i vaccini non servono perchè alcune malattie sono scomparse; il morbillo ad esempio è ancora presente, così come la poliomielite che ha creato negli anni '90 una epidemia molto grave in Olanda.
  5. I vaccini non indeboliscono il sistema immunitario,anzi lo potenziano.Il sistema immunitario è capace di attivarsi a centinaia di stimoli contemporaneamente e a centinaia di antigeni.

Tra le tante vaccinazioni raccomandate, importante la vaccinazione contro il meningococco.


Germe invasivo e pericoloso specie nei bambini di età inferiore ai 5 anni,colpisce prevalentemente in inverno e si trasmette nelle comunità e nei soggetti esposti al fumo passivo.

Il pericolo della trasmissione del meningococco avviene prevalentemente da portatori asintomatici che albergano il germe nella gola; mentre l'infezione, trasmessa da soggetti affetti da malattia, è minima.

Per quanto riguarda l'incidenza dei vari gruppi, il meningococco B è quello maggiormente evidente a livello europeo,seguito dal meningococco C e W.

In Italia il sierogruppo prevalente è quello C negli adulti e negli adolescenti,mentre il sierogruppo B è maggiomente presente nella fascia di età tra 1 e 4 anni.

Autore

gaetanopinto
Dr. Gaetano Pinto Pediatra, Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso UNIVERSITA' FEDERICO II DI NAPOLI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 20601.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche vaccinazione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Pediatria?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati