Ansia in adolescenza: possibili sviluppi

Dr. Alessio CammisaData pubblicazione: 26 gennaio 2014Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2014

“L'uomo saggio previene.”

Friedrich Schiller

Premessa

Un recente studio condotto da Essau CA, Lewinsohn PM, Olaya B, Seeley JR (Anxiety disorders in adolescents and psychosocial outcomes at age 30) e pubblicato nel Journal of affective disorders, ha indagato la possibile relazione tra Disturbi d'ansia durante l’infanzia e l’adolescenza e un funzionamento psicosociale negativo in età adulta e ha cercato, inoltre, di valutare la capacità predittiva dell’ansia adolescenziale rispetto ad una vasta gamma di disturbi psichiatrici in età adulta.

 

Metodo

Lo studio si è basato su un campione di 816 partecipanti i quali sono stati intervistati due volte durante l'adolescenza, all'età di 24 anni, e all'età di 30 anni. Ai partecipanti sono stati somministrati questionari self-report volti ad indagare il funzionamento psicosociale e sono stati sottoposti a colloqui diagnostici semi-strutturati, sia durante l'adolescenza che in giovane età adulta.

 

Risultati

L’Ansia Adolescenziale sembra avere una buona capacità predittiva rispetto a: scarso adattamento generale, scarso adattamento al lavoro, scarse relazioni familiari, problemi con l'unità familiare, minore soddisfazione di vita, scarse capacità di coping, e maggiore stress cronico. L’ansia adolescenziale sembrerebbe avere, inoltre, una buona capacità predittiva rispetto a: utilizzo di sostanze stupefacenti, abuso di alcool e ansia in età adulta. Al contrario, sembrerebbe non esservi una relazione significativa tra i disturbi d'ansia presenti durante l’infanzia e la psicopatologia in età adulta e gli esiti psicosociali all'età di 30 anni.

 

Considerazioni

Quanto sopra esposto, in linea con altri studi, ci induce ad affermare che, in caso di significative manifestazioni d’ansia in età adolescenziale, è bene intervenire tempestivamente attraverso la psicoterapia, allo scopo di ridurre il disagio ed evitare la cronicizzazione della patologia o il successivo insorgere di patologie e disagi ad essa correlati.

 

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24456837

Autore

alessiocammisa
Dr. Alessio Cammisa Psicologo, Psicoterapeuta

Laureato in Psicologia nel 2005 presso Università di Palermo.
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia tesserino n° 4003.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche adolescenza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati