L'andrologo, l'urologo: un medico ancora poco conosciuto tra i giovani in Italia

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 12 luglio 2015

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Meno del 5% dei giovani italiani conosce oggi il suo andrologo od urologo di fiducia.

E’ questa l’osservazione epidemiologica che ha spinto la Fondazione Umberto Veronesi, in collaborazione anche con la Società Italiana di Urologia Oncologica, a ideare un ambizioso progetto, chiamato SAM, acronimo di Salute Al Maschile.

 

Vi sono molti spunti, soprattutto riguardo ai molti e diversi aspetti legati ad una corretta prevenzione, che ci dovrebbero portare ad incoraggiare un deciso cambio di rotta in questo senso per diventare capaci a convincere i nostri uomini, anche quelli giovanissimi, ad avere finalmente un loro andrologo di fiducia.

Ad esempio una prima valutazione andro-urologica dovrebbe essere consigliata verso i tredici anni, in questa età, spesso critica, il giovane lamenta "disturbi o malesseri", non sicurezze sul proprio corpo e sul proprio genitale in piena trasformazione; è questo il momento utile per decidere di conoscere il proprio andrologo di fiducia; bisogna fare come fanno le amiche, le compagne di scuola che, a questa età, già conoscono il loro o la loro ginecologa di riferimento. A questa età, fino ai venti anni, importante è apprendere l’autopalpazione delle borse scrotali, testicoli compresi, sospettare la presenza di un varicocele oppure un problema oncologico, conoscere anche le corrette misure per una precisa prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e quindi apprendere le istruzioni per il corretto uso del profilattico.

Su quarant’anni poi diventa importante il controllo annuale, da parte di un esperto andrologo od urologo, per capire e trattare in modo mirato eventuali problematiche sessuali, soprattutto a livello erettivo, oppure sintomi iniziali di un problema a livello della ghiandola prostatica, soprattutto se ci sono in famiglia casi conosciuti di tumori alla prostata.

Mai sottovalutare alcun disturbo nello svuotare la vescica: minzioni più frequenti, anche di notte, getto ridotto, presenza di sangue nelle urine ed altro ancora.

Insomma il messaggio, che qui si vuole dare, è di pensare in modo intelligente ed aperto, anche alle zone anatomiche che stanno al di sotto del nostro ombelico.

 

Altre informazioni:

 

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

5 commenti

#1
Dr. Pierluigi Izzo
Dr. Pierluigi Izzo

Considerando la scarsa considerazione che la pediatria nutre verso i problemi legati alla genitalità maschile in età pre puberale,sarei più propenso a puntare su un'azione di sensibilizzazione verso i genitori.Utopia?

#2
Dr. Sergio Di Martino
Dr. Sergio Di Martino

Giovanni, consentimi di osservare, che anche quella dell'endocrinologo e' una figura da cui non si puo' prescindere per tante problematiche andrologiche anche e soprattutto tra i ragazzi.
Personalmente, non concepisco visitare un ragazzo, senza un attento controllo dello sviluppo puberale, che non raramente mi ha consentito e mi consente tutt'oggi di diagnosticare problematiche anche molto serie.

#3
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Cari Pierluigi e Sergio,
le vostre sono tutte osservazioni corrette e da condividere.
A Sergio dico inoltre che qui il messaggio è di tipo generale e cioè quello di indicare una figura di medico "particolare" che abbia le sensibilità e le competenze adatte ad affrontare con il nostro uomo, dai primi anni di vita fino alla piena maturità inoltrata, i vari e possibili problemi sessuali, riproduttivi ed urologici che dovesse incontrare; in questa luce poi, naturalmente quando necessarie, la figura dell'endocrinologo, dello psicologo o altre più mirate devono sempre essere considerate e tenute ben presenti.
Aggiungo poi un'ulteriore osservazione che molti endocrinologi hanno anche specialità e chiare competenze andrologiche.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche andrologo 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati