Ispessimento tunica albuginea

In seguito a un violento trauma al pene verificatosi anni fa,adesso ho un ispessimento della tunica albuginea,lo so poiche ho fatto l ecografia al pene.l'urologo dal quale sono stato mi ha detto che questo problema non si puo risolvere.mi rivolgo a voi perche spero che una soluzione esista sapendo che questo ispessimento puo portare anche alla malattia della peyronie.C e un modo per far si che l ispessimento svanisca?
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,

già il suo problema clinico , da come lei ce lo descrive, si può considerare un'Induratio Penis Plastica (IPP) o malattia di La Peyronie che è una patologia caratterizzata appunto dalla formazione di ispessimenti o placche fibrotiche all'interno della tunica albuginea del pene.

Questa malattia è a volte associata a dolore e può dare, in alcuni casi, curvature anomale del pene durante l'erezione.
La causa della malattia è poco nota. Molti sono i fattori ipotizzati e spesso associati alla patologia. Tra questi i traumi sono ritenuti i più importanti, soprattutto i traumatismi che causano sanguinamento e successiva deposizione di fibrina con attivazione della normale ma fastidiosa reazione infiammatoria.

La malattia presenta un decorso molto variabile e a volte capita anche di osservare una risoluzione spontanea della placca. Per questo motivo il trattamento deve essere all'inizio di tipo farmacologico, conservativo con l'utilizzo di prodotti a base di vitamina E, farmaci antiinfiammatori ed “antifibrotici” (tra questi vi è il PABA, cioè l’acido parammino benzoato di potassio).

Sono state provate anche altre terapie come gli ultrasuoni, la diatermia, la laserterapia, le iniezioni intraplacca di farmaci antiinfiammatori.

Da ultimo solo a nodulo stabilizzato ed in presenza di gravi incurvamenti o disturbi dell'erezione ,può essere utile ricorrere ad un trattamento chirurgico che può prevedere l'inserimento di una protesi oppure l'uso di tecniche di chirurgia plastica che permettono l'escissione della placca stessa e la correzione dell'incurvamento.

Detto questo ora risenta in diretta il suo andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
inanzitutto grazie per la risposta.Poi le do la conferma che il trauma che mi ha causato questo ispessimento,mi provoca infatti anche dolore e fastidio.non ho nessun incurvamento per ora,spero non mi succeda in futuro.Sto prendendo delle capsule a basa di vitamina E,come lei ha detto.IL dottore da cui sono stato mi consiglia di prenderle per 2 mesi,fare un intervallo di 3 mesi e poi riprenderle di nuovo per 2 mesi:purtroppo sono quasi arivato alla fine del secondo mese,e non sto avendo risultati.Mi rendo conto che e' un problema grave e che ci voranno molti soldi per risolverlo,e mi rendo conto che non e' nemmeno sicuro che il problema si risolvi.
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Coraggio, segua le indicazioni ricevute e, se lo desidera, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio