Utente 464XXX
Buongiorno, per cortesia vorrei avere chiarimenti in merito ad un batterio che mi è stato riscontrato e del quale non trovo sul web troppe informazioni.
Circa un mese fa, al termine di un rapporto sessuale, ho avvertito un forte dolore al testicolo sinistro, tramutatosi in fastidio nel giro di qualche giorno. Nello stesso periodo ho cominciato anche ad avvertire un fastidio alla parte terminale dell'uretra. Allo stato attuale, entrambi i fastidi sembrano scomparsi, ogni tanto avverto fastidio al testicolo, ma è una cosa sporadica. Preciso che non ho alcuna secrezione.
Avendo già sofferto di una leggera infiammazione abatterica alla prostata, mi sono messo in moto per effettuare gli esami del caso. All'ecografia la prostata risultava delle dimensioni di 4.4 cm x 3 cm (DT x DAP). Ho eseguito spermiocultura con esito negativo e urinocultura con esito negativo e conta batterica

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ci scrive che "spermiocoltura con esito negativo e urinocoltura con esito negativo e conta batterica..." ma allora perché accenna allo "Stafilococco emolitico" nel titolo del suo post?

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 464XXX

Gent.mo dottore, mi sono reso conto del fatto di aver inserito il testo incompleto e non sono riuscito a modificare la mia richiesta. La faccio breve...spermiocoltura negativa, urinocoltura negativa e carica batterica <1000. Il tampone uretrale ha dato esito positivo allo staphylococcus haemolyticus. Non trovo informazioni sufficienti in rete e vorrei sapere se questo battere interessa solo l'uretra o può colpire anche pelle (quali sono in caso le manifestazioni?), saliva o altro. Vorrei sapere per cortesia i tempi di incubazione e i sintomi, considerato che ho avuto solo un po' di bruciore al meato uretrale, che adesso non avverto più ( devo ancora cominciare ad assumere il bactrim prescrittomi). È da considerarsi una malattia sessualmente trasmissibile o si può contrarre in altri modi? Ultima cosa, come mi comporto con la mia compagna? Lei è in attesa del risultato del tampone, ma a questo punto è possibile che questo battere sia presente nella sua saliva (considerato che abbiamo rapporti protetti, esclusi i rapporti orali)? Secondo il suo parere deve prendere anche lei l'antibiotico?
La ringrazio per la Sua attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il tampone uretrale che ha dato esito positivo allo staphylococcus aveva pure un antibiogramma allegato?
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 464XXX

Staphylococcus Ahemolyticus

Antimicrobico – MIC – Interpretaz.

Oxacillina - <=0,25 – S

Gentamicina - <=0,5 – S

Levoffloxacina – Neg –

Eritromicina - >=8 – R

Clindamicina – 0,25 – S

Linezolid – 2 – S

Daptomicina – 0,5 – S

Vancomicina – 1 – S

Tetraciclina – >=16 – R

Tigeciclina – 0,25 – S

Fosfomicina – 64 – R

Acido fusidico - <=0,5 – S

Rifampicina - <=0,03 – S

Trimetoprim/Sulfametossazolo - <=10 – S

Non è indicata la carica batterica (dalle urine risultava <1000 ufc)

Il medico di base mi ha prescritto il bactrim. 2 pastiglie ogni 12 h per 8 giorni

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua l'indicazione ricevuta, è condivisibile!
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, La ringrazio. Potrebbe darmi informazioni circa questo battere?
Mi piacerebbe sapere qual'è l'incubazione, se si ritiene che sia trasmissibile esclusivamente tramite rapporti sessuali e se rimane nell'uretra o si può diffondere nella pelle e nella saliva.
Inoltre Le chiedo se sarebbe il caso di estendere la terapia alla mia compagna.
La ringrazio nuovamente.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

lo stafilococco è un batterio gram positivo che raramente è presente nelle infezioni delle vie uro-genitali.

Le vere infezioni, causate da questi batteri, si manifestano in situazioni particolari e questi microrganismi colonizzano facilmente la pelle dell'area genitale ed anche l'ultimo tratto dell'uretra e quindi possono contaminare a volte anche le urine e il liquido seminale.

La loro presenza nelle colture da tampone uretrale deve essere sempre valutata a livello clinico con molto senso critico.

In molti casi, in assenza di febbre e di sintomi significativi, se presente questo battere si pensa pure ad una contaminazione esterna.

Bene comunque, oltre ad una eventuale antibioticoterapia, introdurre nel suo comportamento un diverso stile di vita: bere più acqua, regolare la funzione intestinale, alimentazione adeguata e praticare una regolare attività fisica e sessuale.

Anche se non si nega mai un tampone anche alla partner spesso questa indagine è inutile, infatti è molto improbabile che questo microrganismo possa essere trasmesso per via sessuale dal maschio alla femmina, mentre è molto più comune che accada il contrario; comunque bene avere rapporti protetti onde evitare un eventuale effetto "ping-pong".

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, se fosse possibile, mi piacerebbe ricevere qualche informazione più specifica in merito a questo batterio. È possibile che con rapporti orali non protetti, la mia compagna abbia questo organismo nella saliva? Dalla Sua risposta quindi non è un batterio considerato tra le malattie a trasmissione sessuale. Considerato che si trova nella mia uretra, è possibile che sia presente sulla mia pelle e causi anche solo un po' di prurito?
Grazie per la Sua disponibilità, scusi le domande, ma non trovo tante informazioni sul web.

[#9] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, al momento non ho ancora assunto il bactrim, ho la visita dell'andrologo tra un paio di giorni. Da qualche giorno un fastidio agli occhi che avevo da qualche tempo, si trattava di un lieve prurito, probabilmente si sta trasformando in una leggera congiuntivite. Adesso ho paura che questo stafilococco emolitico si sia diffuso un po' dappertutto, sangue compreso. Non so se può essere, ma un paio di mesi fa mi sono tagliato con un vetro tra mignolo e anulare di una mano e ancora adesso se tocco, sembra ci sia una pallina sotto pelle, magari del pus. Avevo già preso Augmentin.

[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non drammatizzi e aspettiamo, senza inutili ansie, la valutazione diretta con il suo andrologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#11] dopo  
Utente 464XXX

Buonasera gentilissimo Dottore, la disturbo ancora per un consulto. Fatto il ciclo di bactrim per lo staffilococco haemolyticus, mi sottopongo a nuovo tampone per un controllo. Nel frattempo, ho avuto rapporti protetti e niente sesso orale. Dagli esiti del tampone, risulto positivo a -ceppo 1:Enterococcus faecium e -ceppo 2: Staphylococcus schleiferi subspecie. Com'è possibile che nel precedente tampone uretrale questi due batteri non fossero presenti? Sono due batteri che si trasmettono con il sesso o cosa? Di che roba stiamo parlando? Ho l'antibiogramma e a giorni vado dal mio andrologo, ma nel frattempo vorrei capirci qualcosa.grazie per la Sua cortesia.

[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sicuro che non ha contaminato il campione mentre lo raccoglieva?

Comunque senta ora il suo andrologo di fiducia in diretta per chiarire bene l'origine di questi microrganismi particolari e poi, se presente antibiogramma, terapia mirata.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#13] dopo  
Utente 464XXX

Mi piacerebbe tanto se fosse una contaminazione, ma ora come ora, come potrei saperlo? L'operatrice che ha maneggiato i tamponi...e chi lo sa! Adesso mi trovo a prendere altri antibiotici e la cosa non mi piace. Comunque...ma questi due batteri si trasmettono via sessuale? In caso contrario, com'è possibile che si trovino nella mia uretra?

[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non hanno solo una "trasmissione sessuale" e per questo deve sentire ora il suo andrologo di fiducia in diretta per chiarire bene l'origine di questi microrganismi.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#15] dopo  
Utente 464XXX

Ah...e quindi quali potrebbero essere le cause? Preferisco andare preparato ed essere in grado di formulare ipotesi, perché purtroppo sto perdendo fiducia nei dottori. Purtroppo ultimamente mi sono sottoposto a diverse visite per diversi motivi e ho constatato che ben pochi approfondiscono. Se il dottore che mi vedrà si limiterà a guardare l'antibiogramma e a stabilire il farmaco, vorrei poter essere in grado di avanzare eventuali ipotesi circa la provenienza di questi batteri. Abbia pazienza, purtroppo sono un po' sfiduciato dalla categoria.

[#16] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, scusi se insisto. Potrebbe darmi lumi su questi due batteri e su come potrebbero essere finiti nella mia uretra? Abbia pazienza, non trovo informazioni sul web. Lo stafilococco ho visto che è presente sui cani...non ho animali. L'Enterococcus faecium ho letto su un articolo del corriere della sera che viene messo tra i 12 batteri più pericolosi...insomma...sempre belle notizie. La ringrazio per la Sua attenzione.

[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le ripeto, da questa postazione, purtroppo è difficile chiarire e capire come questi microrganismi particolari siano finiti sul suo tampone uretrale.

Provi a rivalutare e ridiscutere la questione in diretta almeno con il suo medico di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#18] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, il.mio Andrologo/Urologo mi ha prescritto due antibiotici per i due batteri. Con mio sommo piacere, in farmacia vengo a scoprire che l'Amplital, prescrittomi per l'enterococco, non è più disponibile in Italia. Gli altri tre antibiotici ai quali il battere è sensibile sono ospedalieri. Il medico di base mi ha liquidato dicendomi di tornare dallo specialista. Chiedo a lei, in attesa di vedere a giorni il dottore...cosa vuol dire che sono antibiotici ospedalieri? Voglio sperare che la sanità pubblica mi dia la possibilità di curarmi, anche se non sono ricoverato in una struttura sanitaria.

[#19] dopo  
Utente 464XXX

Gentilissimo Dottore, ho scritto a diverse farmacie in Svizzera e l'Amplital è reperibile in Germania. Arriverebbe al mio domicilio in due settimane a costo abbastanza alto rispetto a cosa costava in Italia. Volendo procedere in tal senso, ho due domande. Aspettare due settimane per cominciare la cura, potrebbe peggiorare la situazione? l'Amplital a quanto mi è stato detto, è un farmaco vecchio e contiene una molecola vecchia, detto questo, mi conviene procedere con questo farmaco? Un farmacista che ha visto il mio antibiogramma ha detto che Levovanox in pastiglie e Targosit in fiale da iniettare, andrebbero bene, ma se ho capito bene cosa mi aveva detto il medico di base, dovrebbero essere i due antibiotici che possono dare danni ai reni. Sono davvero giù di morale, devo aspettare due giorni prima di riuscire a rintracciare il mio andrologo/Urologo nel suo studio

[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non drammatizzi ed, appena possibile, risenta in diretta il suo urologo di fiducia.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#21] dopo  
Utente 464XXX

Si, lo farò appena possibile. Mi spiega solo il concetto di antibiotici ospedalieri? Se nel mio caso fosse l'unico modo per curarmi, in cosa consiste il concetto di farmaco ospedaliero? L'ospedale, tramite richiesta dello specialista, mi da i farmaci?

[#22] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto: l'ospedale, tramite richiesta dello specialista, le può dare i farmaci richiesti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#23] dopo  
Utente 464XXX

Le faccio ancora una domanda. Tenuto conto che dall'antibiogramma è stato prescritto l'Amplital, che in Italia non è più in commercio e considera che gli altri tre antibiotici cui il battere è sensibile sono ospedalieri (due dei quali dannosi, a detta del mio medico di base), secondo lei posso procurarmi l'Amplital tramite farmacia Svizzera e procedere con questo farmaco? Nel senso...lei mi sconsiglia o meno l'Amplital, visto che in Italia è stato tolto dal commercio?

[#24] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se non trova il prodotto indicatole, provi a cercare l'Ampicillina.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#25] dopo  
Utente 464XXX

Si, dalla Svizzera dovrei riuscire a far arrivare qualcosa nel giro di due settimane. Spero solo che sia la soluzione giusta, considerato che il farmaco in Italia è stato ritirato dal commercio e che passeranno altre due settimane per poter cominciare la cura.

[#26] dopo  
Utente 464XXX

Dottore, abbia pazienza. Il mio andrologo naturalmente è irreperibile per due settimane, il medico di base voleva rifilarmi un antibiotico che da antibiogramma era presente ma non testato. l'Amplital non si trova in Italia gli altri tre farmaci sono ospedalieri. Come detto, lo specialista li prescrive e l'ospedale li consegna. Ma ci vuole lo specialista dell'ASL o va bene anche un privato?

[#27] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci vuole lo specialista dell'ASL, ospedaliero.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#28] dopo  
Utente 464XXX

Ho chiamato una farmacia ospedaliera bè mi è stato detto che non basta la richiesta dello specialista, ci vuole ben altro. Adesso non ricordo bene. La situazione è che l'Amplital a quanto pare non si trova in Italia, Svizzera e Germania. Il mio andrologo non c'è per una settimana, il mio medico di base voleva darmi un antibiotico che nell'antibiogramma non risulta essere stato testato. Io trovo allucinante che non abbia la possibilità di curarmi. Gli altri tre antibiotici sensibili sono ospedalieri e quindi non posso accedervi...come devo fare? Mi sento davvero da solo a scalare una montagna interminabile. Non ho la possibilità di curarmi, lo trovo atroce!

[#29] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se il suo andrologo non è reperibile e lei è in ansia per il suo problema clinico è sempre possibile sentire in diretta altro specialista.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#30] dopo  
Utente 464XXX

Il problema è che se un privato non ha la possibilità di farmi accedere ai farmaci ospedalieri, non mi servirebbe a nulla un altro parere. Dovrò sentire il medico di base per vedere se c'è possibilità di accedere a questi farmaci con il parere di uno specialista...e con i tempi della Asl, vediamo quando se ne parla. Allucinante!