Utente 163XXX
Buongiorno, scrivo per mio papà dell'età di 71 anni.
Ritirato esame del psa con valore 6,1
Risultati precedenti :
Anno 2015 2,78
Anno 2016 3,20
Anno 2017 2,89
Anno 2018 6,10 (maggio corrente)
Emocromo ed esame urine tutto nei range.
Prontamente visita urologica con palpazione rettale della prostata e tutto nella norma.
Il dottore descrive il quadro clinico non urgente e da ripetere esame del Psa fra un mese e prenotazione RM che si potrebbe annullare in caso di valore abbassato.
Volevo un vostro parere:
generalmente un raddoppio di psa in un anno con assenza di sintomi e con prostata non ingrossata può ritenersi normale data l'età oppure l'innalzamento del valore deve essere sempre con crescita regolare negli anni?
Per ripetere l'esame del psa quanti giorni devono passare dopo la palpazione della prostata?
Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

mi sembra che le indicazioni datele dal suo urologo sia condivisibili e da seguire.

Dopo esplorazione rettale generalmente il PSA ritorna ai "livelli di partenza" in 15-30 giorni.

Risenta ora il suo urologo di riferimento e si ricordi comunque che sempre la visita medica in diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione diagnostica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 163XXX

Grazie Dott. BERETTA del suo riscontro.
Un'ultima domanda, volevo sapere se esiste correlazione fra aumento di eosonofilia ed aumento del PSA.
Altra cosa, la risonanza magnetica per la prostata esiste soltanto con liquido di contrasto o esistono macchinari che possono evitare di iniettare il liquido?
La ringrazio molto.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Correlazione difficile da dimostrare tra "eosonofilia ed aumento del PSA" ; sulla risonanza magnetica multiparametrica il mezzo di contrasto generalmente è indicato per controllare meglio il tipo di vascolarizzazione su eventuali "noduli" riscontrati.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 163XXX

Grazie Dott BERETTA, a distanza di 20 giorni mio papà ha ripetuto l'esame del PSA e questa volta è 5,1. È sceso di un punto dal primo controllo.
Volevo chiederle, un problema oncologico può dare risultati di PSA anche altalenanti o soltanto stabili o in salita?
La ringrazio molto

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Generalmente un vero problema oncologico dà risultati di PSA generalmente in salita ma sempre sentire in diretta il suo urologo di riferimento.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com