Infarto e cialis

Egregio Dottore,
Ho quasi 67 anni di età e più di cinque anni fa ho avuto un infarto con il posizionamento di uno stent. Credo di aver superato l’evento in modo del tutto soddisfacente, come viene evidenziato dai miei periodici controlli. La mia pressione è nei limiti (125/80) con un accenno di ipotensione ortostatica (110/70), che comunque non mi procura problemi. Glicemia e colesterolo nei limiti. Su consiglio del mio cardiologo eseguo cinque chilometri di tapis roulant a giorni alterni. Attualmente assumo i seguenti farmaci:
Mattina: ½ compressa di Norvacs 5,
½ compressa di Sereupin 20;
1 compressa di Finastid 5 (per IPB)

Dopo pranzo – 1 compressa di cardioaspirina:

Sera: 1 compressa di Omnic (per IPB)

Le chiedo cortesemente se a causa dell’evento infartuale e la terapia sopra evidenziata mi è possibile assumere il Cialis o il Viagra per sopraggiunti problemi erettili. La ringrazio sentitamente.
[#1]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,7k 108 13
Gentile lettore,
un avvallo definitivo è corretto che lo dia il suo Cardiologo.
Ciò detto i farmaci della famiglia degli inibitori della fosfodiesterasi 5 (Viagra-Levitra-Cialis) non sono nel modo più assoluto dannosi per la funzione cardiaca o coronarica. Sono però controindicati se assunti insieme a o in vicinanza di "nitroderivati", cioè farmaci usati in soggetti cardiopatici, o in maniera continua, o in seguito ad attacco anginoso.
Lei non assume nitroderivati, quindi non ha una "stretta" controindicazione ai farmaci sovramenzionati per l'erezione. Ciò detto io suggerirei di scegliere tra questi i farmaci che rimangono per meno tempo in circolo (cioè Viagra o Levitra), perchè, qualora lei sviluppasse un attacco anginoso per un qualsivoglia motivo ed avesse in circolo un farmaco che permane a lungo, quale è il Cialis, questo le precluderebbe per più tempo la possibilità di assumere i "nitroderivati", che potrebbero esserle somministrati.
Segua comunque le indicazioni del suo Cardiologo.
Spero di essere stato chiaro.

Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo dott. Pescatori, la ringrazio tantissimo per la sua chiara e sollecita risposta. Seguirò senz'altro i suoi preziosi consigli unitamente a quelli del mio cardiologo. La saluto con viva cordialità.
[#3]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,6k 426 2
caro lettore,

al di là delle corrette indicazioni del dottor Pescatori voglio tranquillizzarla circa l'uso di Viagra, Levitra o Cialis in un soggetto che abbia avuto un infarto nel passato e che non presenti controindicazioni di tipo cardiologico.
E' chiaro che deve essere il suo medico o il suo andrologo a prescriverle il farmaco e garantirle i controlli successivi dopo averla conosciuta e visitata.
cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#4]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 55k 1,2k 1k
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere informazioni più dettagliate su queste tematiche e se non ancora visto, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.html.

Qui troverà conferme alle indicazioni già ricevute.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

L'infarto del miocardio: quali sono i sintomi per riconoscerlo il tempo? Quali sono le cause dell'attacco di cuore? Fattori di rischio, cure e il post-infarto.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test