Utente 484XXX
Buonasera a tutti i dottori,
sono un ragazzo di diciotto anni e ho or ora riscontrato un piccolo (o grande?) problema che vorrei sottoporre alla vostra cortese attenzione. Oggi, a seguito di svariati mesi di astinenza (si parla di quasi cinque mesi), ho ripreso la masturbazione. Quest'ultima, una sessione unica più volte interrotta con una singola eiaculazione, è durata per molto tempo (circa un'ora o comunque poco più) e, in seguito a tale pratica, ho notato uno vistosissimo gonfiore generale dell'asta del mio pene, soprattutto nella pelle che circonda il glande. La zona, oltre ad essersi gonfiata notevolmente, è rimasta morbida al tatto (infatti sembra quasi una sacca di liquido) e non presenta una coloritura differente da quella usuale (è passata circa mezz'ora). Devo preoccuparmi seriamente e correre immediatamente al pronto soccorso? Oppure passa da sé? Leggendo i vari articoli presenti sui forum di dottori, ho constatato che potrebbe essere un ristagno linfatico (chiedo venia per l'eventuale terminologia scorretta) e che dovrebbe risolversi da sé nel giro di pochi giorni. Qual è il vostro parere riguardo la situazione? Come faccio ad accelerare la "guarigione"?
Vi ringrazio per la cordiale attenzione e vi auguro nuovamente buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Marco Fasbender Jacobitti

24% attività
16% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
SANT'ANTIMO (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
Non si tratta di un'urgenza andrologica quindi non è necessario andare al pronto soccorso. Discorso diverso se avesse avuto un'erezione di varie ore e dolorosa. In quel caso si trattava di un urgenza. Attenda con tranquillità di fare la visita andrologica già prenotata.
Cordialmente.
Marco Fasbender Jacobitti, MD
www.andromed.it

[#2] dopo  
Utente 484XXX

La ringrazio, dottore, per la celere risposta. Provvederò, non appena possibile, a prenotare una visita andrologica.
Le auguro buona serata e buone feste!