Utente 505XXX
Buongiorno
ho 27 anni e con il mio compagno di 30 stiamo cercando una gravidanza.
Lui quando aveva7 anni fu operato di Varicocele e circa 4 anni fa fece il suo primo spermiogramma con un risultato di spermatozoi tipici al 22%.
Oggi a distanza di 4 anni quella percentuale è scesa al 12%.
Siamo seriamente preoccupati, pur sapendo di essere giovani temiamo siano delle percentuali che possano ostacolare il nostro progetto di vita.
Le inserisco, per completezza del quadro clinico, gli altri dati:
Astinenza: 3-5 gg
Volume: 5,0 ml
PH 7,5
Aspetto: Proprio
Viscosità: nei limiti
Fluidificazione: fisiologica
Numero: 80.000.000
Concentrazione eiac. 400.000.000
Motilità Progressiva: 55% Rettilinea + 5%Discinetica
Motilità Totale: 60%
Morfologia:Tipici 12%
Atipici:88% teste amorfe,microcefalie,teste a punta
Leucociti: 400.000
Elementi linea spermatogenetica: Rari

Per quello che le compete pensa ci siamo possibilità? Sono appena 2 mesi che abbiamo rapporti non protetti e nulla.
La ringrazio molto, se è disponibile possiamo anche fissare un appuntamento al suo studio. Ma ci terrei ad avere una prima diagnosi.

Grazie mille,
Laura

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

il quadro seminale che ci presenta è molto tranquillizzante e due mesi di attesa sono pochi; detto questo nulla vieta comunque di fare una ulteriore valutazione clinica in diretta con un andrologo che ha chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Se desidera poi avere altre informazioni più precise sulla complessità che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/753-malattie-sessualmente-trasmesse-fertilita-uomo.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio molto per la celere risposta.
Tuttavia non riesco a comprendere come sia possibile che altri suoi colleghi ci abbiano così tanto allarmato..
Ho letto che ad oggi i valori di riferimento sono quelli presenti nella tabella WHO datata 2010 i cui parametri di normalità sono espressi in percentili; confrontando tali parametri con i valori ottenuti dall'ultimo esame, rientriamo perfettamente.
E' possibile quindi che altri esperti abbiano preso in considerazione altri valori di riferimento?
Mi hanno quasi consigliato la PMA..
Ieri eravamo distrutti, oggi le dico la verità non so più che pensare...
Grazie mille,
Laura

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

se esame fatto seguendo le ultime indicazioni date dall'OMS nel 2010, l'esame del suo compagno si deve considerare nella norma.

Sicura di aver consultato "esperti" con chiare ed aggiornate competenze in patologia della riproduzione umana?

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 505XXX

Si l'esame è stato eseguito seguendo le ultime indicazioni del WHO 2010. Sotto c'era infatti la tabella con i valori di riferimento.
Per quanto concerne gli ''esperti'' parlo del mio ginecologo e a tal proposito non saprei cosa dirle..

La ringrazio molto per avermi rassicurata.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

se desidera avere più informazioni dettagliate sui corretti rapporti tra andrologo e ginecologo in un Centro di Procreazione Medicalmente Assistita, le consiglio di consultare l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/201-andrologo-ginecologo-devono-interagire-correttamente-infertilita-coppia.html

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com