Glande scoperto e varicocele

Salve, cercherò di essere il piu breve e chiaro possibile.
Sono un aagazzo di 25 anni che chiede un parere andrologico.
Sono venuto a conoscenza di una pratica chiamata "autocirconcisione" che mira ad avere i benefici della circoncisione senza ricorrere all'intervento.
Ho dunque deciso subito di provare e da circa 4 mesi tengo il prepuzio retratto dietro il glande, non semplicemente retratto ma arrotolato all'interno di se stesso in modo da mantenerlo in posizione (la tecnica si chiama "spoon method"), altrimenti scivolerebbe in avanti tornando a coprire il glande.
Ci tengo a precisare che non ho mai avuto problemi tipo fimosi, e ho visto fin da subito i benefici di tale pratica soprattutto per quanto riguarda l'igiene.
Fino a qualche settimana fa non ho avuto problemi, ma da qualche settimana ho notato che i testicoli tendono a contrarsi anzichè stare sempre rilassati, inoltre ho notato delle masse all'interno dello scroto (3 o 4 masse molli del diametro di una nocciolina per esempio).
Ho iniziato ad avere ansia e attacchi di panico, e deciso a superare la mia timidezza ho fatto presente la cosa a mio padre (chirurgo), il quale mi ha diagnosticato un semplice varicocele senza bisogno di alcuna cura (mio padre tende a sminuire le cose).
Io comunque sono rpreoccupato lo stesso e ho paura di sottovalutare la cosa, anche perchè quando i testicoli sono contratti sento a volte un dolore al testicolo sx.
Volevo dunque chiedervi pareri in merito a questa pratica, se l'autocirconcisione e il varicocele sono correlati in qualche modo, e se posso continuare a tenere il glande scoperto senza alcun timore.

Dimenticavo di dirvi che le prime volte avevo gonfiori al prepuzio, specialmente al mattino, ed ero costretto a rimettere il prepuzio in posizione normale, adesso tengo il glande scoperto solo il giorno, la notte mentre dormo lo ricopro.

Mi farebbe piacere qualche opinione a riguardo.
[#1]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,6k 425 2
caro lettore

questa pratica per il prepuzio mi sembra una grande st....ine
Il varicocele interessa circa il 20% dei maschi italiani e, accanto a fastidi locali più o meno rilevanti, potrebbe portare ad uno stato di sofferenza testicolare con la possibilità di produrre un liquido seminale con minore capacità fecondante tanto da essere considerato la causa più frequente di infertilità maschile.
Una visita specialistica andrologica, un esame del liquido seminale ed un ecocolordoppler testicolare sarebbe quello che io consiglierei ad un giovane con varicocele
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test