Utente 519XXX
Salve,
scrivo per ricevere un consulto in merito ad un problema che è sorto cinque giorni fa, quando andai dal dentista per il mal di denti. Scoprii così di aver un dente sovrannumerario a destra, nella parte superiore, che mi venne tolto immediatamente. Premetto di essere agofobica, e quindi ero particolarmente agitata per l’anestesia, ma provai un dolore fisico fortissimo tanto da mettermi a piangere e da rifiutarmi che me ne venisse fatta un’altra. (Ho tolto altri denti compresi tutti quelli del giudizio e non ho mai provato nulla del genere). L’intervento è andato bene e so che il giorno stesso è normale un po’ di mal di testa ma, il giorno dopo, mi svegliai da quanto male mi faceva sia la testa che la guancia mentre al dente non ho praticamente mai provato nulla.
Ora, a distanza di cinque giorni, (come nei giorni seguenti all’intervento), mi ritrovo ancora con un livido sulla guancia Viola-verde, (che penso sia normale visto che mi era comparso anche con il dente del giudizio), e un mal di testa perenne dalla mattina alla sera.
La mia domanda è quindi la seguente: è davvero possibile che l’anestesia mi procuri questa sensazione di mal di testa e disorientamento per tutti questi giorni?
Non saprei altrimenti come spiegarmelo.

Spero di essere stata il più chiara possibile e mi scuso se non ho utilizzato il linguaggio più adeguato all’ambito.

Vi ringrazio per l’attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Guido Guasti

24% attività
20% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2017
Carissima buonasera
la mia risposta è no.
Ossia, il dolore intenso che ha avvertito al momento della somministrazione dell'anestetico locale rientra nella normalità, essendo caratteristica di TUTTI gli anestetici locali un dolore/bruciore intenso.
Per quanto riguarda il "mal di testa " che lei accusa, invece, la causa è da ricercare in altri eventi che nulla hanno a che vedere con l'anestesia.
Innanzitutto il colore che le dipinge la guancia è segno di un ematoma in via di riassorbimento che di per se può essere causa di dolore che può interessare e coinvolgere la tensione dei muscoli che danno tipicamente cefalea muscolo-tensiva.
Oppure l'estrazione, comporta lo "sradicare" di fibre nervose, che sono tutte ampiamente connesse ed intricate tra loro. Il dolore neurogeno scompare nel giro di poco tempo (qualche settimana).
Oppure, ancora, l'iniezione dell'anestetico locale può essere stata effettuata in prossimità eccessiva del nervo o addirittura dentro al nervo. In questo caso la ripresa della normalità può richiedere qualche mese (ma si recupera senza strascichi).
In sintesi, qualunque sia stata la causa (è passato troppo poco tempo per preoccuparsi) della sua sintomatologia continuerei con gli antidolorifici, che sono l'unica terapia indicata, se per il resto il suo dentista le ha confermato che sta andando tutto per il verso giusto.
La saluto
Dr. GUIDO GUASTI