Utente 470XXX
Mi hanno diagnosticato una ipertrofia de ventricolo sinistro con un indice di massa
LV (Cubico) 309 g e indice di massa LV (Cub)
152 g/m2.
È una ipertrofia grave? Moderata o lieve?
Sono a rischio di arresto cardiaco o di infarto del miocardio?
Il cardiologo mi ha detto che devo fare l'holter per vedere l'andamento pressorio nelle 24 ore.
Sono molto preoccupato.
Ho 50 anni, sono alto 180 cm e peso 82 kg
Colesterolo totale 170
Pressione ballerina (sono molto ansioso).
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
La pressione "ballerina" non esiste....normalmente la nostra pressione cambia in risposta alle differenti circostanze....occorre valutare la media di valori nelle 24 h e questo vien fatto con l'Holter pressorio che le hanno consigliato. L'ipertrofia, se concentrica, può essere conseguenza di un'ipertensione presente già da tempo senza che lei sapesse di essere iperteso.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 470XXX

Grazie per la gentile e pronta risposta.
Ma vorrei sapere cortesemente, se il dato di 152 g/m2 e di 309 g delle rispettive masse, stanno a confermare una situazione lieve, moderata o grave e se sono a rischio di arresto cardiaco o di infarto.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
E' una lieve ipertrofia se considera che il limite della normalità è di 125 g/mq. Cosa le fa poi pensare di essere a rischio di arresto cardiaco proprio non è chiaro....
Caro signore si affidi a quanto le viene detto e non credo che le sia stata formulata l'ipotesi di rischio di arresto cardiaco o di infarto miocardico.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 470XXX

Quali sono i valori di massa indicizzata per i quali si definisce una ipertrofia grave o severa ?
Le aggiungo che non ho altre patologie, l'atrio sinistro è di normale dimensioni la frazione di eiezione è 76 %.
Grazie infinite.

[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Le ho già risposto. La sua ossessione nelle definizioni non l'aiuta. Da paziente farebbe bene ad ascoltare quanto le viene detto senza ulteriori dubbi o perplessità.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#6] dopo  
Utente 470XXX

Le chiedo scusa per l'insistenza.
La mia titubanza era solo dettata dal fatto che visualizzando le tabelle delle linee guida sulle masse indicizzate dell' IVS, ho notato che oltre a 149 g/m2 si definisce una ipertrofia di grado severo.
Tutto quà.

[#7] dopo  
Utente 470XXX

In base ad un altro consulto medico su "Dodicare l'esperto risponde", mi hanno appena risposto che 152 g/m2 di massa v.
corrisponde ad una ipertrofia di grado medio-severo.
Perché lei mi dice che è lieve scusi ?
Spero abbia ragione lei.
Ho paura !!!!!

[#8] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
La diagnosi di ipertrofia ventricolare sinistra all’ecocardiogramma, come da linee guida, viene fatta rapportandosi alla massa miocardica e questa viene valutata applicando la formula di Deveraux e poi indicizzando la massa per la superficie corporea con un limite di normalità
di 125 g/m2 per l’uomo e 110 g/m2 per la donna. Un secondo indice è invece “massa VS [g] / altezza [m]2.7 ≥  51,0 in
entrambi i sessi” che offre una maggiore sensibilità soprattutto nei pazienti obesi. Lei è alto 180 cm e i valori della sua ipertrofia possono essere interpretati come secondari a un'ipertensione misconosciuta e per questo condivido i consigli dl suo medico di base. A tal proposito le consiglio la lettura dell'art. https://www.medicitalia.it/minforma/cardiologia/1940-ipertensione-arteriosa-prevenzione-diagnosi.html che può aiutarla a capire e allontanare il pensiero dall'ipertrofia, focalizzando l'attenzione sulla possibile causa.
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#9] dopo  
Utente 470XXX

Grazie Dr. RILLO.
Le vorrei aggiungere i valori degli spessori ventricolari.
IVSd 1.26 cm
IVSd 5.42 cm
LVPWd 1.41 cm
Mi scusi, lei escluderebbe una cardiomiopatia ipertrofica agli esordi ?
Le comunico che non ho nessuna storia di familiarità riguardante questa patologia.
Mia madre 79 anni è ipertesa trattata da parecchi anni e ha l'ipertrofia ventricalore sx di grado discreto.
Grazie di nuovo.

[#10] dopo  
Utente 470XXX

Il secondo dato è LVIDd. Scusi.

[#11] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
5.42 è lo spessore sistolico non diastolico. Quello diastolico e pressocchè normale. La cardiopatia ipertrofica non può essere all'esordio perchè è una patologia congenita, quindi se l'avesse sarebbe stata presente fin dalla nascita...ma la cardiopatia ipertrofica ha altre caratteristiche...
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#12] dopo  
Utente 470XXX

Grazie Dottore. Questo è il quarto ecocardio che faccio nel corso della vita e non mi è mai stato riferito nulla che riguardi la CMI.
Buona giornata .

[#13] dopo  
Utente 470XXX

Scusi dottore un'ultima domanda.
Quindi possiamo dire che in quest'ultima visita la diagnosi è di ipertrofia ventricolare per via di questi parametri, se tra un anno gli spessori ventricolari aumentassero sino a 15 mm, sarebbe ancora una diagnosi di ipertrofia ventricolare ? E non di cardiomiopatia ipertrofica?

[#14] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Senta, elimini dalla sua testa il pensiero della cardiomiopatia ipertrofica. Non fa altro che alimentare la sua ansia rendendo tutto più difficile.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica