ansia  
Utente 473XXX
Salve! Ho 41 anni, conduco una vita sana ma sono una persona molto ansiosa e molto emotiva. Il 24 ottobre mi sono sottoposta ad ablazione della via nodale lenta per eliminare una tachicardia da rientro. Ora sto bene ma avverto ogni tanto delle extrasistoli. Purtroppo le ho sempre avute ma prima erano meno frequenti. Ora le ho una al giorno, a volte anche 4 o 5. È normale? Prima di fare l'ablazione mi ero fatta ogni tipo di controllo, tra cui anche l'holter ed è tutto ok. Anche la pressione, le analisi del sangue e della tiroide perfetti. Comunque queste extra sono sempre state di 2 tipi: o avverto una sensazione di battito mancante oppure una sensazione di "scossa elettrica" al cuore. Le seconde mi spaventano molto xkè mi sembra come di essere proprio spostata qua e là da una forza, come appunto da una scossa elettrica. Una di queste "scosse" mi è capitata proprio mentre avevo l'holter addosso (fatto a settembre) più altre 3-4 extra più lievi (cioè tipo battito mancato) mentre mi addormentavo. Io ho appuntato tutti gli orari su un foglio ma la cosa assurda è che dall'holter risulta una sola extra in 24h. Io mi chiedo più che altro cosa siano quelle "scosse" visto che le extra vengono descritte come battiti mancati. E se fosse l'inizio di una fibrillazione atriale? E poi xke mi capitano praticamente sempre in momenti di relax, cioè mentre sto guardando la tv o mi sto per addormentare? E l'ablazione c'entra qualcosa in tutto questo? Diminuiranno col passare dei mesi? Anche se, a dire il vero, l'aumento delle extra si è verificato già prima di fare l'intervento e cioè da quando ho deciso di approfondire la mia tpsv e mi si è prospettata davanti l'ipotesi di operarmi. Avevo una paura folle...ed ora che ho fatto l'ablazione mi sto come autoconvincendo che il mio cuore starà sempre peggio e mi sento depressa e in ansia per quello che mi potrà accadere nei prossimi mesi

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Cara signora lei ha bisogno di un bravo psicoterapeuta, non di un cardiologo. Le sue extrasistoli sono innocue, ma la sua ansia le rende un problema serio. Il suo cuore non ha nulla che non va e se non ha più la TPSV (cosa estremamente probabile) è guarita dalla sua aritmia più importante.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 473XXX

Gentile Dott. Rillo,
La ringrazio per avermi risposto. In effetti sto pensando di farmi aiutare per superare psicologicamente questa cosa. Ma quindi lei pensa che anche quelle forti scosse al cuore siano extrasistoli? Anche se tutti le descrivono come battiti mancati? La cosa più assurda è che dall'holter, nell'orario in cui l'ho avvertita, non risulta proprio niente...eppure io sono schizzata su dal letto per quanto era forte ed ero sveglia perchè è successo di pomeriggio. Potrebbe essere un errore dell'holter?
Per quanto riguarda la tpsv non ho avuto più episodi, anche se dall'intervento non sono passati neanche 2 mesi e la paura che possa tornare c'è sempre

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
No, è sicuramente un errore suo d'interpretazione....le scosse delle quali parla non hanno nulla a che vedere con il cuore (potrebbero essere spasmi muscolari sempre da inserire nel contesto dell'ansia). Per me lei ha solo bisogno di uno psicoterapeuta di sua fiducia, l'unica figura che può esserle di aiuto.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica