Utente 488XXX
Salve premetto che sono in cura con un PSICOTERAPEUTA.
Ma proprio non riesco a capire alcune cose. So che non dovrei pensarci ma io voglio sapere sono fatto così.

Di Mci possono morire tutti. Anche giovani sani. 70k l'anno 1 ogni mille 200 al giorno uno ogni 8 minuti di Mci. La prevenzione aiuta solo del 20%. La strategia migliore è creare una rete di DAE e istruire la gente. Questo lo so. Ho passato ore e ore a leggere articoli in italiano e inglese.
Ho letto davvero tanto.
Però io voglio capire. C'è una % di giovani under 35? Sani intendo.
Cioè dei 1/1000 al giorno etc, di giovani sani e controllati quanti ne muoiono? Esiste una percentuale? Un numero

Ho letto da un altro studio che per gli under 35 l'incidenza è di 1/10.000 ma anche in questo caso si parla solo di giovani sani o nel dato sono presenti anche soggetti ad alto rischio?

Cari dottori abbiate pazienza con me. Sono spaventato. Sono diventato ossessivo. Ho fatto tutto lo screening possibile. Vivo da solo, soffro molto la solitudine. Ho paura di morire da solo.... Di mci... So che sono pensieri che un ragazzo di 26 anni non dovrebbe avere ma non riesco a farne a meno.

Abbiate pazienza. Fatemi capire se è rara o no. Parlo sempre di pazienti come me che hanno controllato ogni cosa.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lei ha gia tutti i dati in mano.
se ha una ossessione significa che la sua psicoterapia non le funziona.

I dati sono quelli.

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 488XXX

Quindi è vero che under 35 è 1/10.000? Tra sani e pazienti con alto rischio? Quindi per un soggetto sano è davvero relativamente raro? È l'ultima domanda che pongo

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei e' ossessionato dai numeri, e questo non e' un problema cardiologico.
Per un soggetto sano la incidenza di morte improvvisa e' bassissimo, lei ha la stessa prossibilita' di esserne colpito di quella dei miei figli.
BAssissima, non zero.

Con questo la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza