Utente 481XXX
Buongiorno, ieri mi sono sottoposto ad un controllo dell'attività cardiaca, eseguendo ECG, Ecocardio, Eco Aorta addominale ed eco doppler TSA; il medico mi dice che non vi sono segni clinici di cardiopatia; tornando a casa invece ho notato una frase: RAPPORTO E/A INVERTITO.
Nell'esame precedente (circa due anni prima) il risultato era: NORMALE RAPPORTO.
Riporto quanto scritto:

ANAMNESI: Valutazione funzionale in paz. già sottoposto ad ablazione per wpw
E.O.: Toni cardiaci ritmici validi. Buon compenso emodinamico. P.A.: 135/85 mmHg Sat 02 aria ambiente: 98% Peso: 95 kg
ECG: Ritmo sinusale a 58 bpm , alterazioni aspecifiche del recupero.
ECOCARDIOGRAMMA: Ventricolo sinistro di normali dimensioni interne, normocontrattile. F.E.65 % . Insufficienza mitralica di grado lieve. Rapporto E/A invertito .
ECO AORTA ADDOMINALE: Di normali dimensioni in tutto il suo decorso.
ECO DOPPLER TSA: Assenza di stenosi a livello degli assi carotido vertebrale esplorati. Aumento diffuso dello spessore intima media. Pervie le arterie vertebrali con flusso ortodromico normodiretto.

A cosa si riferisce quindi il RAPPORTO E/A INVERTITO?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Significa che il suo ventricolo sinistro è meno elastico quando si rilascia
Questo accade di solito nei pazienti con ipertensione non bene controllata , sovrappeso o con ipertrofia ventricolare sinistra oppure con l’aumento dell età

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza