Utente
Salve,
a causa di un controllo TAC per dolore toracico (in zona atipica sotto/ascellare sinistra) ho eseguito una Tac cuore con liquido di contrasto.

Questa Tac è stata decisa dai medici per evitare che mi dovessi sottoporre a coronarografia... anche perché sono un soggetto a basso rischio (no iperteso - no diabete - ecc.
ecc.
)
Premetto che sono allergico e che ho dovuto assumere Deltacortene per 2 giorni in dosi piuttosto massicce.
Tale assunzione di cortisone, mi ha causato una persistente tachicardia dove il ritmo a riposo era 135 batti/minuto.
Per eseguire l'esame, mi hanno somministrato qualcosa (forse dei betabloccanti) ma i battiti scesero soltanto a 125 battiti/minuto.
Tuttavia, l'esame è stato eseguito (pare normalmente) nonostante il ritmo sostenuto del cuore.

Il referto è risultato nella norma ma segnalava un "ecatsia del tronco comune dell'arteria polmonare (diametro max 32mm) e dei rami, destro (24mm) e sinistro (30mm).

1^Domanda, è possibile che possa trattarsi di una falsa ectasia vista la frequenza cardica elevata?


Qualche giorno dopo, scemato l'effetto del cortisone, ho effettuato un Eco cardiogramma color-doppler e qui di seguito i valori riportati:
MITRALE: lembi valvolari normali non stenotici
AORTA: morfologia tricuspide, cuspidi valvolari normali, conservata apertura sistolica.
Radice aortica di normali dimensioni.
Aorta scendente dilatata.

ATRIO SINISTRO: lievemente dilatato
VENTRICOLO SINISTRO: di normali dimensioni, ipertrofia uniforme di grado lieve, funzione sistolica globale conservata...
CUORE DESTRO: ventricolo destro di normali dimensioni, normocontrattile (TAPSE 30mm.
S'tricuspide 13 cm/sec), atri destro di normali dimensioni, veda cava inferiore normale calibro con normale collassabilità respiratoria.

PERICARDIO: assenza di versamento pericardico.

DOPPLER: rapporto E/A <1 (disfunzione diastolica di 1 grado).
Onda E: 58 cm/sec; e'settale: 7, 2 cm/sec; e'laterale: 11, 9 cm/sec; E/e': <8).


MISURE MONO-BIDIMENSIONALI:
DIAM.
TELEDIASTOLICO VENTROLO SX 48MM
SPESSORE SETTO INTERVENTRICOLARE: 12MM
VOLUME TELEDIASTOLICO VENTRICOLO SX 140 CC
VOLUME TELESISTOLICO VENTRICOLO SX 59 CC
FRAZIONE D'EIEZIONE 57%
DIAMETRO DELLA RADICE AORTICA 38MM
DIAMETRO DELL'AORTA ASCENDENTE 41MM
DIAMETRO ANTERO-POSTERIORE ATRI SX 41MMù
DIAMETEO VENA CAVA INFERIORE 20MM

2^ Domanda: come sono messo?
Devo preoccuparmi?
Purtroppo sono un soggetto abbastanza ipocondriaco.

Segnalo che asmatico (iperreattività bronchiale aspecifica) con asma e tosse controllata con spray cortisonici a lunga azione... un po' in sovrappeso ma non soffro fortunatamente di altro: Pressione arteriose lievemente ipoteso.
Fondo oculare in ottime condizioni.
Esami del sangue nella norma.

Grazie per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Tale reperto è legato al suo problema polmonare
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la celere risposta gentile dr. Cecchini.
Quindi l'asma è la causa di questa ectasia?
Devo fare una cura preventiva?
Potrebbe darmi più dati/spiagazioni? Le sarei davvero molto grato.
Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nei pazienti con problemi polmonari cronici leresistenze polmonari possono essere aumentare e pertanto il calibro dell arteria polmonare edie rami primcipali possono essere aumentati
Nulla di grave

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora per la sua puntuale, esaustiva ed anche... in un certo modo, rassicurante.
Grazie ancora Dr. Cecchini